lunedì 12 febbraio 2018

Gli invisibili: 10 mila migranti e rifugiati vivono in edifici occupati e ghetti

lastampa.it

Il rapporto «Fuori Campo» di Medici Senza Frontiere. «Più della metà abita in insediamenti senza accesso all’acqua potabile», denuncia il direttore generale Eminente


Da agosto a novembre del 2017, tra i 100 e i 150 richiedenti asilo, per lo più provenienti dal Pakistan, vivevano nella galleria “Bombi”, un tunnel nel centro della città di Gorizia (Foto MSF)

Da Torino a Milano, passando per Roma, Gorizia, Como e per città di frontiera come Bolzano e Ventimiglia. Sono circa 10 mila le persone escluse dall’accoglienza, in prevalenza richiedenti asilo o titolari di protezione internazionale e umanitaria. È quanto emerge dalla seconda edizione del Rapporto «Fuori campo» di Medici Senza Frontiere, che traccia una mappa dei migranti esclusi dal sistema di accoglienza, frutto di un monitoraggio costante compiuto nel 2016 e nel 2017 in una cinquantina di insediamenti informali sparsi in 12 regioni italiane.

“Più della metà senza acqua potabile”
«Oltre la metà di queste persone, circa il 55%, vive in dei luoghi dove non c’è un punto d’acqua potabile né l’energia elettrica», ha spiegato il direttore generale di Medici Senza Frontiere Italia, Gabriele Eminente, alla presentazione del Rapporto che si tiene questa mattina a Roma. «Sono persone che si scaldano con quello che possono e che hanno un enorme problema di accesso alle cure», ha aggiunto Eminente precisando che «magari sono persone che hanno un lavoro, nei bar, nei mercati o nei ristoranti delle nostre città, ma che poi sono costrette a vivere in quelle condizioni perché non hanno una abitazione».

Chi sono e dove abitano
Si tratta di persone di varia provenienza, dall’Africa sub-sahariana e dal Corno d’Africa, ma anche da Siria, Iraq, Pakistan, Afghanistan, appena arrivati in Italia o presenti nel nostro Paese da anni. In alcuni siti, ci sono anche italiani a condividere le condizioni dei migranti. I siti informali sono edifici abbandonati o occupati (53%), luoghi all’aperto (28%), tende (9%), baracche (4%), casolari (4%), container (2%). Undici di questi si trovano nel Lazio, sette in Puglia, sei in Sicilia, cinque in Calabria e in Piemonte. Il 53% è abitato soltanto da uomini adulti, il 13% da uomini e donne adulte, il 34% da adulti con minori. In 17 insediamenti è stata riscontrata la presenza di minori al di sotto dei 5 anni.

Il “Passo della morte
Dalla fine del 2016 più di venti persone sono morte nel tentativo di lasciare l’Italia, varcando la frontiera per arrivare in Francia, Svizzera o Austria. Quindici sono decedute solo al confine con la Francia. «Molti - viene precisato - hanno perduto la vita sulle montagne, lungo il cosiddetto “Passo della morte”, usato nel passato da ebrei in fuga, partigiani e contrabbandieri».

Il caso Ventimiglia
Medici Senza Frontiere spiega, inoltre, di avere intervistato 287 adulti migranti a Ventimiglia tra il 28 agosto e il 14 settembre 2017: 131 hanno dichiarato di aver provato ad attraversare il confine con la Francia. Il 23,6% di chi ha tentato il passaggio del confine ha dichiarato di aver subito almeno un atto di violenza da parte di uomini in uniforme, italiani o francesi.