martedì 8 agosto 2017

Non solo abbracci a bordo piscina tra la coppia gay: «Esibizionisti, sarebbero stati richiamati anche se etero»

il mattino.it



Non ci sarebbero stati solo teneri abbracci tra i due giovani casertani che sabato hanno denunciato, attraverso i circoli territoriali Arcigay di Salerno e Caserta, di essersi visti costretti ad abbandonare un popolare stabilimento balenare della costa salernitana a causa di una discriminazione omofoba. A segnalarlo, un lettore del Mattino. «In riferimento alla presunta discriminazione sessuale verificatasi venerdì scorso presso il lido Arcobaleno di Salerno, vorrei contestare quanto denunciato dagli esponenti dell'Arcigay -  scrive -, rilevato che i due ragazzi in questione, si sono esibiti in una danza acquatica, in braccio, con ripetuti plateali baci alla francese".

Il fatto è accaduto venerdì pomeriggio presso un lido del quartiere Torrione, a Salerno, dal quale i due fidanzati sarebbero andati via sdegnati per essere stati ripresi dal bagnino che li aveva invitati ad avere una maggiore compostezza vista la presenza di decine di bambini a bordo piscina. Sia la proprietà che i diretti interessati hanno da subito riconosciuto al bagnino - che aveva subito pressioni da alcuni genitori - grande garbo nell'approcciarsi ai giovani ma i due protagonisti hanno comunque preferito lasciare lo stabilimento. «Credo che, doverosamente, anche una coppia etero sarebbe stata richiamata. L'esibizionismo non ha sesso», conclude il lettore che ha fatto pervebire al nostro giornale una versione molto accreditata tra alcuni presenti fin dal momento in cui la polemica è scoppiata, poco dopo la diffusione di una nota congiunta di Acigay Salerno e Caserta. 

Domenica 6 Agosto 2017, 22:23 - Ultimo aggiornamento: 06-08-2017 22:29