lunedì 7 agosto 2017

La guerra dei Windsor. Elisabetta resta isolata. Gelo con Carlo e Harry

lastampa.it
vittorio sabadin

Se ne va il segretario privato sir Christopher Geidt. La regina ordina a William e Kate di tornare a vivere a Londra


La regina
Dopo l’addio del suo segretario privato Elisabetta ha bisogno dell’appoggio di tutti. Ma né Carlo né tantomeno William e Harry sembrano essere d’accordo


C’è una guerra in corso all’interno della Royal Family britannica. A metterla in luce sono state le dimissioni di due dei tre più importanti collaboratori della regina Elisabetta, presentate improvvisamente alla vigilia delle vacanze. La sovrana sta per partire per il castello di Balmoral, in Scozia, dove la raggiungerà il marito Filippo; Carlo e Camilla sono ospiti sullo yacht di un amico miliardario, ma presto andranno a Birkhall nelle Highlands; Harry sarà in Africa con la fidanzata Meghan Markle, mentre William e Kate si preparano a partire con i bambini per il mare.

Doveva essere un agosto tranquillo come gli altri, e invece le dimissioni di Sir Christopher Geidt, da dieci anni segretario privato della regina e, secondo il Daily Mail, anche di Samantha Cohen, la sua assistente, hanno messo allo scoperto le divisioni tra Buckingham Palace, residenza della sovrana, Clarence House, residenza di Carlo, e Kensington Palace, residenza di William, Kate e Harry.

Ad aggravare una situazione già precaria è stata l’uscita di scena del duca di Edimburgo, Filippo, che giorni fa ha partecipato al suo impegno pubblico numero 22.219, che sarà l’ultimo dopo 70 anni di servizio al Paese. Sir Christopher ha convocato gli uffici stampa di Carlo e dei giovani principi e ha tenuto un breve discorso: con il ritiro a vita privata di Filippo, la regina avrà bisogno dell’appoggio di tutti e bisogna che le attività di comunicazione siano coordinate per evitare gli spiacevoli incidenti del passato. Ma né Carlo né tantomeno William e Harry sembrano essere d’accordo.

Il segretario privato di Elisabetta non ha approvato la partecipazione dei due fratelli al documentario che ricordava la loro madre Diana, morta vent’anni fa nel tragico incidente stradale di Parigi: un’esposizione eccessiva, l’ha giudicata, che ha messo a rischio la loro privacy e che non era necessaria. Anche Carlo e il suo ufficio stampa hanno espresso critiche, rimaste confinate nelle stanze dei palazzi, perché in tutto il documentario William e Harry non hanno mai nominato il padre, come se la loro educazione e il loro ruolo fossero dipesi unicamente dalla madre Diana.

Harry ha poi agito troppe volte di testa sua: con un lunghissimo comunicato ha chiesto ad esempio ai giornali di lasciare in pace la sua divorziata fidanzata americana Meghan Markle proprio mentre Carlo e Camilla erano impegnati in un delicato viaggio all’estero, di cui nessuno ha parlato proprio per fare spazio all’inconsueto appello. Elisabetta ha ordinato a William e Kate di lasciare la pigra residenza nel Norfolk e di tornare a vivere a Londra in autunno per assumere più impegni reali, visto che ne accettavano meno del novantaseienne Filippo. Ora che anche la regina riduce le sue uscite pubbliche, occorrerebbe maggiore coordinamento nella famiglia, ma ogni tentativo di sir Christopher di unificare gli uffici di comunicazione è fallito a causa delle resistenze di Clarence House e Kensington Palace, che hanno evidentemente strategie e interessi diversi da proteggere.

Nell’autunno del regno di Elisabetta, il «Team Windsor» appare più diviso che mai, con i figli di Carlo in perenne e nascosta polemica con il padre e con sua moglie Camilla, che non hanno mai accettato. E, come se non bastasse, oggi la tv britannica trasmetterà i nastri video che Peter Settelen, insegnante di dizione di Diana, aveva registrato nel 1993 invitando la principessa a parlare di quello che le veniva in mente, per esercitarsi a un eloquio più fluido. I nastri sono già stati trasmessi anni fa negli Stati uniti e sono visibili in parte su Youtube, ma escono per la prima volta in tv in Gran Bretagna. Ce n’è per tutti, da Carlo alla regina a Filippo, ancora perseguitati dal fantasma di Diana al quale non possono replicare. Per Elisabetta sarà un’altra brutta estate, che proprio non meritava.