venerdì 4 agosto 2017

"Issavano la bandiera libica". Le accuse alla ong Jugend Rettet

ilgiornale.it

Nelle carte della magistratura le prove contro l'operato della Jugend Rettet



"Per noi il salvataggio delle vite umane è e sarà la priorità", dicono dall'ong tedesca Jugend Rettet, a cui ieri è stata sequestrata la nave Iuventa, sulla base di un fascicolo secondo cui gli attivisti avrebbero messo in atto "condotte di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina".

"Dopo avere raccolto tutte le informazioni, potremmo valutare la situazione e i passi da compiere", aggiungono dall'organizzazione, con Medici senza frontiere tra quelle che hanno rifiutato il Codice di condotta. E intanto i primi dettagli su che cosa abbia portato allo stop della nave e al conseguente sequestro iniziano ad emergere.

Già ieri sera il procuratore di Trapani, Ambrogio Cartosio, metteva in chiaro di avere "documentato incontri in mare", ma di essere pronto a "escludere collegamenti tra Ong e libici. Escludo che qualcuno abbia agito per scopi di lucro, mentre sono presenti gravi indizi di colpevolezza in ordine al reato del favoreggiamento dell'immigrazione clandestina".

Per due volte, secondo il pm di Trapani, che ha avviato l'indagine nel 2016, "avrebbero trasbordato sulla nave migranti scortati da trafficanti libici non in situazioni di pericolo". E sull'albero di poppa della Iuventa, utilizzata dall'ong tedesca, ma battente bandiera olandese, sarebbe stata issata la bandiera libica.

"Noi ci predisponiamo prima che sia tutto pulito e in ogni caso non diamo alcuna fotografia dove in qualche modo si possano vedere persone che potrebbero venire identificate, non c'è motivo, a questo non contribuiamo", si sente dire in una delle intercettazioni in mano alla Polizia, in cui gli attivisti discutono anche sul coinvolgimento di esperti di diritto marittimo e internazionale, per valutare come muoversi con le autorità italiane.

"Noi gli diamo fotografie generali dell'intervento e ci prepariamo - dicono -. Che ci assistano specializzati in diritto marittimo, diritto penale e il terzo... credo diritto internazionale e da loro dobbiamo avere dei feedback su quello che possiamo dire, quello che possiamo e non possiamo fare".
Inoltre ''l'ostilità verso l'Italian Maritime Rescue Coordination Centre è confermata dal cartello con la scritta 'Fuck Imrcc' posizionato alla prua'', dicono gli inquirenti, secondo cui avrebbero "mostrato un atteggiamento di scarsa collaborazione verso le direttive impartite da Imrcc, confermando la volontà di voler effettuare esclusivamente trasbordi su altri assetti navali verosimilmente al fine di non attraccare in porti italiani''.