venerdì 7 luglio 2017

Svolta di Bill Gates: "Basta immigrati"

ilgiornale.it
Francesco Maria Del Vigo - Gio, 06/07/2017 - 08:37

Il numero uno di Microsoft: impedire che arrivino in Europa

Se n'è accorto anche Bill Gates. L'Europa non può accogliere tutti gli immigrati che fuggono, per un motivo o per l'altro, dall'Africa.


Se n'è accorto e l'ha detto fuori dai denti in un'intervista a Die Welt: basta con la generosità, bisogna impedire ai profughi di raggiungere fisicamente le coste del Vecchio continente. Testuale. Non l'ha dichiarato un pericoloso xenofobo, nemico del politicamente corretto, ma l'imprenditore correttissimo, e piuttosto radical chic, che ha conquistato il mondo con la sua Microsoft. Vediamo ora se le varie Boldrini & Co. avranno il coraggio di dare del fascista anche a lui.

Gates ha mandato in frantumi lo specchio nel quale si imbellettano i buonisti: è finita l'era dei regali e delle chimere e bisogna dirlo a chiare lettere ai diretti interessati, cioè agli immigrati. Perché il vero razzismo è promettere Bengodi inesistenti, allettando e illudendo così masse di disperati. I poveri del mondo non si aiutano con regalie, ma piuttosto con l'intervento sul campo. E mentre Gates avvisa l'Europa della catastrofe imminente, l'Italia lavora all'approvazione dello ius soli, la legge che ci trasformerebbe prima nella nursery del Nord Africa e poi nel campo nomadi d'Europa. E cos'è lo ius soli se non l'ennesimo miraggio offerto ai migranti, l'ennesimo incentivo a precipitarsi sulle carrette del mare sino alle nostre coste?

Gates non è il primo, e scommettiamo non sarà l'ultimo, degli ex buonisti che ha deciso di cambiare idea. Sono le improvvise conversioni sulle rotte dell'immigrazione. Prima di lui l'ha fatto Macron che, dopo avere sbandierato il mito dell'accoglienza in campagna elettorale, si è messo a sigillare i confini di Ventimiglia. E a seguire il democraticissimo governo austriaco che, tra una dichiarazione e una smentita, ha pure minacciato di sguinzagliare i soldati sul Brennero. I buonisti sono diventati improvvisamente «cattivisti»? No, hanno semplicemente dovuto fare i conti con la realtà dei fatti. Molto diversa dalle loro utopie. Una realtà fatta di degrado e delinquenza, centri d'accoglienza che diventano lager, paesi e città che diventano indecorosi campi profughi.

Il disastro l'ha visto persino l'uomo più ricco del mondo dalla sua villa lontana migliaia di chilometri da Lampedusa. Non l'ha visto solamente la sinistra italiana che, come ha rivelato Emma Bonino, questa invasione l'ha organizzata e ora vuole consolidarla con lo ius soli.