sabato 22 luglio 2017

Sisma, scandalo sulle casette ​spartite dalle Coop vicine al Pd

ilgiornale.it
Giovanni Neve - Ven, 21/07/2017 - 11:14

Vito Giuseppe Giustino esultava dopo il terremoto del Centro Italia. Ecco tutti gli appalti assegnati a coop rosse e i rapporti col Pd



Ridevano gli imprenditori dopo il sisma che ha messo in ginocchio un anno fa Amatrice, Accumoli e il resto del Centro Italia. E c'erano buoni motivi. La ricostruzione, le casette in legno, i soldi. Tanti. Nelle intercettazioni della procura, le risate sono quelle di Vito Giuseppe Giustino, 65enne di Altamura (Bari), presidente del Cda della società cooperativa l'Internazionale. Perché tanta gioia? A ricostruire gli interessi sul terremoto di Giustino è Repubblica, che insieme un intreccio di scandali sulle casette per terremotati che si sarebbero spartite alcune coop vicine al Pd. Una scoperta un po' tardiva quella del quotidiano diretto da Calabresi, visto che ilGiornale ne aveva parlato mesi fa (leggi).

Nel Centro Italia ad oggi sono state consegnate solo 396 casette sulle 3.830 totali attese. A montare le prime casette di legno ad Accumoli è stata infatti proprio la coop di Giustino. L'Internazionale è socia (insieme ad altre 200 coop) del Consorzio Nazionale Servizi (Csn), colosso delle cooperative con sede a Bologna e un piede in Legacoop. Il Csn, scrive Repubblica, "risulta come primo classificato in due dei tre lotti della maxi-gara per la fornitura in tutto il Paese di moduli abitativi di emergenza (le casette antisismiche), dal valore totale di 1,18 miliardi di euro, bandita da Consip nel 2014 e aggiudicata nell'agosto del 2015". Poco prima del terremoto, il Csn firma un accordo con la Protezione Civile per consegnare fino a 6mila casette.

In realtà alla fetta di torta partecipano in tanti, visto che dopo le prime 850 assegnate al Csn, anche il Consorzio Stabile Arcale di Impruneta se ne è aggiudicate 750 e tante altre a scendere, fino ad arrivare a 6mila. Passano tre mesi e l'Italia trema. Accumoli, Amatrice e Norcia si sgretolano. I cittadini rimangono senza casa ed hanno bisogno di una sistemazione. Renzi promette: le casette entro Natale. Siamo a luglio e ancora in molti sono rimasti senza. La macchina sembra essersi impantanata. Il Csn, scrive Repubblica, "sceglie, tra le sue associate, chi può sostenere un notevole onere finanziario e gli affida il lavoro. Ad ottobre l'altro terremoto aumenta il fabbisogno, e la Cns dispiega nel cratere otto grosse aziende".

In Umbria l'incarico sarebbe stato assegnato "alle due consorziate Gesta e Kineo, le quali hanno comprato impianti e kit di montaggio da due imprese ternane, la Italstem e la Cosptecnoservice". Una assegnazione che fa incuriosire molti, visto che Cosptecnoservice si occuperebbe di pulizie e cartelle stradali e deve appoggiarsi a Vipal per realizzare le casette. Chi è il presidente del Cda di Cosp? Danilo Valenti, legato alla governatrice Pd dell'Umbria, Catiuscia Marini. Valenti, ricostruisce Repubblica, "è vice presidente di Legacoopservizi, della quale Marini è dipendente in aspettativa; nelle occasioni pubbliche si fanno vedere spesso insieme; la sua società risulta tra i finanziatori della campagna elettorale di Marini". Senza mancre di partecipare alle cene di autofinanziamento di Matteo Renzi.

Discorso simile per la seconda classificata nella gara per le casette di legno. Il Consorzio Arcale, infatti, ha tra i soci " la Sistem Costruzioni srl, uno dei più quotati produttori in Europa di moduli in legno lamellare e alluminio, il cui amministratore delegato è Emanuele Orsini". Che tra le altre cose appare tra i promotori dei comitati elettoriali pro-Renzi del 2012. Il nome della Arcale appare tra le carte dell'inchiesta su Consip portata avanti dalla procura di Napoli. Scrive il Gip che Alberto Bianchi, renziano e presidente della Fondazione Open, si sarebbe occupato di "sponsorizzare presso Marroni (Luigi, l'ex ad di Consip) un'azienda classificatasi seconda per la realizzazione delle casette in legno per i terremotati di Amatrice". Bianchi nega e promette querele.

In giornata la Protezione civile ha chiesto approfondimenti circa la corretta prosecuzione dell'esecuzione degli ordinativi fatti dalle regioni per la consegna delle Sae. "Il Consorzio Nazionale Servizi (CNS) - si legge nel comunicato - chiarisce che i lavori assegnati alla consorziata “L’Internazionale” sono in fase di ultimazione per quanto riguarda il Comune di Accumoli nella Regione Lazio. Il Consorzio ha provveduto a richiedere all’Internazionale un riscontro urgente e puntuale rispetto a quanto appreso dalla stampa e alle eventuali misure adottate nei confronti dei vertici della società, al fine di garantire il regolare operato della propria associata e continuare a rispondere in maniera efficace all’emergenza nazionale.

Naturalmente, in relazione a tutte le prestazioni che riguardano l’Internazionale, il Consorzio si impegna ad adottare le misure più adeguate contemplate dalla propria regolamentazione interna che si rendessero necessarie a garantire la corretta esecuzione dei lavori e, al tempo stesso, la propria attività e reputazione imprenditoriale. Il CNS confida che gli accertamenti in corso possano concludersi nel più breve tempo possibile, così da poter agire tempestivamente nel pieno rispetto della trasparenza e della legalità".