sabato 29 luglio 2017

Siena, immigrato accoltella autista del bus: carabinieri lo fermano sparando

ilgiornale.it
Sergio Rame - Sab, 29/07/2017 - 20:56

Pomeriggio di sangue a Siena. Un ivoriano, da poco allontanato dal centro di accoglienza e in attesa di espulsione, ferisce con tre coltellate al torace l'autista di un bus. Poi attacca i carabinieri

Pomeriggio di fuoco a Santa Colomba, località in periferia di Siena. Un diciannovenne di origini ivoriane, completamente ubriaco, ha dato in escandescenze quando si trovava su un autobus di linea e ha aggredito l'autista 50enne. Ha estratto un coltellaccio e lo ha ferito con tre violenti fendenti assestati al torace. Per fermare la furia dell'immigrato i carabinieri, che nel frattempo erano intervenuti sul posto, hanno dovuto sparare: prima in aria, poi lo hanno atterrato con un colpo alla gamba.

La furia è esplosa oggi pomeriggio, poco dopo le 15. L'immigrato, che era stato allontanato poco tempo prima dal centro di accoglienza di Santa Colomba perché considerato elemento di disturbo e che era in attesa di espulsione, ha perso il controllo dopo una banale lite. Così, appena salito sull'autobus, si è avventato contro l'autista colpendolo più volte con un coltello da cucina. I colpi lo hanno raggiunto in pieno corpo e gli hanno trapassato il torace. Alcuni passanti hanno far da scudo per salvare il cinquantenne e hanno immediatamente allertato i carabinieri che si sono precipitati nel luogo dell'aggressione.

Nemmeno il loro arrivo, tuttavia, ha placato l'ivoriano che ha scagliato una damigiana di vetro contro i militari. Non avendo altro modo per fermarlo, i carabinieri hanno prima esploso alcuni colpi in aria e poi, quando l'aggressore si è scagliato anche contro di loro, lo hanno bloccato sparandogli a una gamba. Nonostante questo l'immigrato ha tentato la fuga lanciando via il coltello che, in un secondo momento è stato ritrovato dai carabinieri nella boscaglia.

Sia l'autista dell'autobus di linea sia il diciannovenne sono stati trasportati all'ospedale delle Scotte di Siena. Da quanto si apprende, le condizioni dell'autista, che ha perso molto sangue per i fendenti ricevuti al torace, sono gravi ed è stato sottoposto a un intervento chirurgico. L'ivoriano è ora in stato di arresto piantonato in ospedale. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, il giovane aveva litigato con il conducente del mezzo di linea lungo il tragitto di andata. Poi, arrivato al capolinea, l'ivoriano è andato a prendere un coltello da cucina ed è tornato alla fermata per scagliarsi contro l'autista.

Cime già scritto, l'ivoriano era in attesa di espulsione dall'Italia. Da quanto si apprende, infatti, il giovane era stato recentemente allontanato dal centro di accoglienza di Santa Colomba perché considerato problematico, con difficoltà legate all'alcol e noto per le sue intemperanze ai gestori dei programmi di accoglienza e alle forze dell'ordine. Situazioni che avevano spinto le autorità a revocargli lo status di richiedente asilo. Non solo. Il 18 luglio scorso era stato arrestato dalla polizia ferroviaria alla stazione di Poggibonsi perché aveva sferrato un pugno a un controllore che gli chiedeva di mostrargli il biglietto del treno. Nonostante tutto questo, era ancora libero di girare per il Paese.