venerdì 28 luglio 2017

Il ministro tedesco ordina a Porsche il richiamo di 30.000 auto diesel. Questa volta Euro 6

lastampa.it

Anche i nuovi 3.0 TDI sarebbero dotati di software trucca emissioni. Stop alle vetture ancora in fabbricazione



Il ministro dei Trasporti tedesco ha ordinato alla Porsche - controllata dal gruppo Volkswagen - di richiamare circa 30.000 automobili con motore diesel dopo la scoperta di un sistema che consentiva di truccare il livello delle emissioni, attivando l’abbattimento degli inquinanti solo al momento dei controlli. 

È l’ennesimo episodio riconducibile al “dieselgate” Volkswagen scoppiato a settembre 2015. Ma questa volta il ministro non ha certo usato mezzi termini nei confronti del costruttore tedesco: Dobrindt si è detto “tutt’altro che entusiasta” per il montare degli scandali sulle emissioni che stanno travolgendo l’industria automobilistica tedesca. 

Anche perché questa volta il software “truffaldino” è montato su motori Euro 6 (e non, come durante il primo scandalo, su Euro 5 fuori produzione). Dobrindt ha annunciato che le vetture ancora in fabbricazione non saranno autorizzate a circolare finché il software incriminato non sarà messo a norma.

Il motore incriminato è il turbodiesel TDI di 3 litri Euro 6 fabbricato da Audi, che potrebbe essere montato - è l’ipotesi, non confermata, del ministro - anche sulla Volkswagen Touareg. Attualmente sono in circolazione circa 30.000 Porsche equipaggiate con questo propulsore, di cui 7.500 in Germania.

Oggi anche Sergio Marchionne, numero uno di Fca, si è espresso sulla questione emissioni in occasione della conference call con gli azionisti. “La Commissione Europea deve correggere tutto quello che può e andare avanti, altrimenti non ne usciamo più”, ha detto Marchionne. “Una soluzione va trovata al più presto perché altrimenti l’incertezza aumenta. In ogni caso il diesel ne risulterà indebolito”. Quanto al presunto cartello tedesco dell’auto, battezzato dalla stampa “club dei 5”, ha scherzato: “Non mi è stato chiesto di unirmi a quei tedeschi che vogliono rendere il mondo migliore”.