giovedì 22 giugno 2017

Lite per eredità, salma del virtuoso dell’armonica sarà sepolta nove anni dopo la morte

lastampa.it


Luigi Cianci Gatti

A nove anni dalla sua morte, la salma del musicista e cabarettista altoatesino Luigi Cianci Gatti sarà finalmente sepolta. Come scrive il quotidiano Dolomiten, è stata posta la parola fine all’iter giudiziario, avviato dagli eredi dopo la morte nel 2008, all’età di 88 anni, del virtuoso dell’armonica a bocca.

In attesa del chiarimento della parentela e dei diritti di successione, la salma è rimasta per tutti questi anni in una cella frigorifera dell’ospedale di Bolzano. Più volte sono cambiati i periti delle varie parti coinvolte e ogni nuovo perito ha per legge la facoltà di prelevare da sé i reperti per l’esame del dna e così la salma non è stata sepolta, finora.

Alois Steneck, in arte Cianci Gatti, ebbe il suo esordio con Enzo Tortora. Il musicista, cabarettista e mimo nacque ad Innsbruck il 30 marzo 1920 da madre austriaca e padre italiano, un conte allora tenente di stanza ad Innsbruck. Fu chiamato Luigi all’età di quattro anni, quando la madre sposò a Bolzano Rino Gatti.