martedì 30 maggio 2017

Urss, vita quotidiana ai tempi di Stalin: le foto (a colori) mai viste

corriere.it
di Beatrice Montini

Tornano alla luce gli scatti degli anni ‘50 di Martin Manhoff, un militare Usa che prestava servizio nell’ambasciata a Mosca e fu espulso dal Paese per sospetto spionaggio

Da Mosca a Yalta

Da Mosca a Yalta

Martin Manhoff era un militare statunitense di servizio nell’ambasciata Usa a Mosca tra il 1952 e il 1954. Poi fu espulso dal Paese per sospetto spionaggio. Durante i due anni in cui rimase in Urss realizzò decine di scatti fotografici che raccontano la vita quotidiana dietro la «Cortina di ferro» passando anche attraverso la morte di Stalin, nel 1953, con i solenni funerali che ne seguirono. Mosca, Leningrado, Yalta: sono le città dove Manhoff ha realizzato la maggior parte delle foto. Gli scatti (e anche alcuni video), rimasti nascosti fino ad oggi, sono stati diffusi dallo storico statunitense Douglas Smith. Questa immagine è stata ripresa dal finestrino di un treno in una località non nota

In Crimea

In Crimea

Quando l’Unione Sovietica, dopo la morte di Stalin, aprì ai visitatori alcune zone prima non accessibili, Martin Manhoff e sua moglie, Jan, iniziarono a viaggiare per i vari territori dell’Urss documentando colori, persone, luoghi mai visti prima. Questa è una delle immagini scattate da Manhoff a Yalta, in Crimea


Il mercato di Yalta, in una delle foto scattate da Manhoff
 

Persone in coda davanti a una drogheria in una località non specificata

In auto sulla piazza Rossa

In auto sulla piazza Rossa

Quando Manhoff lasciò Mosca nel 1954, tra le accuse di spionaggio, portò con sé diverse bobine di film in 16 millimetri e centinaia di diapositive a colori e di negativi scattate durante i suoi viaggi in Urss. Ma dopo il suo ritorno negli Stati Uniti, queste rarissime immagini sono state dimenticate e sono rimaste sepolte in decine di scatole di cartone in un ex negozio di carrozzerie fino alla loro scoperta da parte di uno storico di Seattle. Questo è una delle immagini della Piazza Rossa, a Mosca, scattata dall’auto di Manhoff

Per le strade di Mosca

Per le strade di Mosca

La maggior parte degli scatti di Manhoff riguardano la città di Mosca dove l’ufficiale viveva insieme alla moglie. Le foto raccontano immagini di vita quotidiana ma anche di eventi particolari, compreso il funerale di Stalin. Qui una manifestazione in una piazza di Mosca



L’Ufficio telegrafico centrale di Mosca



Molte le immagini di vita quotidiana scattate a Mosca. Come questa di una famiglia seduta a un chiosco davanti allo zoo cittadino
 


Un gruppo di donne-spazzino con le scope sulla Piazza Rossa



Relax domenicale sulla Piazza Rossa per le famiglie: questa zona delle scalinate adesso non è più accessibile