mercoledì 31 maggio 2017

I no spik inglish

lastampa.it
mattia feltri

Anche la furfanteria richiede due dita di professionalità. Non che si riesce da furfanti così, improvvisando. Magari facendo circolare su Facebook, come ieri il Pd, una foto di tifosi piangenti e sopra un testo del New York Times in cui, più o meno, si legge che il ritiro dal calcio di Francesco Totti è stato un altro durissimo colpo per Roma, già colma di rifiuti, con l’economia sfibrata, il lavoro che non si trova e un sindaco diventato lo zimbello del Paese. Qui, accidenti, siamo proprio ai rudimenti della furfanteria. Perché, cari amici del Pd, credevate davvero che nessuno andasse a controllare? 

Anche il New York Times ha un sito. E c’è il traduttore di Google. Basta un clic, direbbe Grillo. E infatti, guarda un po’, nella traduzione è saltato proprio il pezzetto che definisce l’ultimo decennio poco generoso con Roma, e da quel decennio dipendono sudiciume, disoccupazione eccetera. Virginia Raggi avrà le sue colpe, ma non di meno ne hanno la destra di Gianni Alemanno e la sinistra di Ignazio Marino. Così dice il New York Times. E non è che ci fosse bisogno del New York Times, bastava fare due chiacchiere in un bar, dove tra l’altro si impara che è già abbastanza fastidioso assistere all’indignato sbigottimento del Pd per le condizioni della città, come se prima fosse una specie di grande Lugano.

Ecco, non è una brillante idea aggiungerci furfanterie da terza media: dovreste sapere che l’Italia i furboni li tollera, ma i furbini li piglia per le orecchie.