domenica 2 aprile 2017

Se qualcuna di queste 15 battute ti fa ridere sei uno scienziato, se le capisci tutte sei un genio

repubblica.it
Valerio Mariani


Chris Jackson/Getty Images

Se con “scemo chi legge” andiamo sul sicuro, visto che dovrebbe essere un giochetto comprensibile ai più, sfidare il prossimo con l’Antinomia del Mentitore di Epimenide di Creta – “questa frase è falsa” – e chiedergli se è realmente vera o falsa diventa rischioso.
Una risata da bar potrebbe trasformarsi in una tragedia greca, appunto.
Ma i giochi di parole, le freddure intelligenti, quelle per nerd veri hanno un fascino particolare, perché oltre a “creare atmosfera” all’aperitivo garantiscono un’allure speciale a chi le propone, che camminerà a un metro da terra non appena qualcuno dirà “non l’ho capita” e partirà con la spiegazione dotta. Scandagliando il web abbiamo trovato le 15 freddure più intelligenti in circolazione con relativa descrizione.

1. Per logici

La moglie di un professore di logica ha appena partorito. L’ostetrico porge il figlio al padre mentre la madre chiede “è maschio o femmina?” Il marito risponde: Sì.


Universal
Spiegazione: secondo la logica matematica la risposta è tecnicamente corretta. Se ci si riferisce a un neonato chiedendo se è maschio O femmina, la risposta non può che essere “Sì”, o anche “certo”, dato che uno dfei due sarà per forza. Quale sarebbe stata la risposta se la domanda fosse stata: è un maschio E una femmina?
2. Per femministe

Siete in grado di dire una frase sicuramente non sessista? Eccola: “due donne al bar parlano del test di Bechdel”.


REUTERS/Adrees Latif
Spiegazione: il test di Bechdel è una prova per determinare se una narrazione ha dei connotati sessisti. La cosa divertente è che il test pone tre condizioni: nel racconto devono essere presenti almeno due donne, che devono parlare almeno una volta tra loro e non necessariamente di un uomo. Una sola risposta negativa implica che la frase è sessista. Possiamo stare tranquilli, quella frase non è sessista.
3. Per fisici

Un certo Heisenberg viene fermato dalla polizia in autostrada: ‘Ha un’idea di quanto veloce sta andando? Risposta: no, però so benissimo dove sono’.


AGF
Spiegazione: Werner Heisemberg è stato un grandissimo fisico tedesco che ha introdotto il Principio di Indeterminazionein cui, appunto, si sostiene che è impossibile determinare con precisione sia la posizione sia la velocità di una particella.
4. Ancora per fisici

Sempre sul povero Heisenberg: sapete perché è un pessimo amante? Quando trova la posizione non sa come muoversi, quando ha la giusta energia non ha il tempo.

Perché: sempre per il Principio di Indeterminazione.
5. Per musicisti

Do, Mi Bemolle e Sol bloccati all’ingresso di un bar: scusate, ma non sono ammessi minori.


Noel Vasquez/Getty Images
Perché: Do, Mi bemolle e Sol compongono un accordo in Do minore.
6. Sempre per fisici (ma sportivi).

Primo principio della Termodinamica: non puoi vincere. Secondo: non puoi pareggiare. Terzo: non puoi smettere di giocare.


AGF
Spiegazione: si tratta di una interpretazione un po’ fantasiosa dei principi della termodinamica. In parole (molto) povere il primo afferma che nulla si crea né si distrugge, il secondo che la materia tende a passare dallo stato di ordine a quello di disordine e la terza che più la temperatura cala, e ci si raffredda, e meno confusione ci sarà.
7. Per chimici

Se non sei parte della soluzione, sei parte del precipitato (insomma precipiti).

Soluzione: si dice che “o sei parte della soluzione oppure sei parte del problema” e se succede non piacerebbe al tuo capo. In chimica, se non sei parte della soluzione, precipiti, come capiterebbe a una sostanza in polvere che non si scioglie in un liquido, accumulandosi sul fondo del bicchiere.
8. Per filosofi

È tutto solipsistico qui o sono io?


d26b73/Flickr
Spiegazione: secondo la dottrina filosofica del solipsismo, l’individuo può affermare con certezza solo la propria esistenza (penso, dunque sono – diceva Cartesio), tutto il resto è rappresentazione della sua coscienza. La domanda, dunque, non può avere una risposta coerente.
9. Per latinisti

Un antico romano entra in un bar e chiede un Martinus. Il barista risponde: un Martini vorrà dire. Risposta: no, ne voglio solo uno.


Giorgio Cosulich/Getty Images
Spiegazione: chi ha studiato latino lo sa: il suffisso “us” si usa per il nominativo singolare della seconda declinazione, “i” per il plurale.
10. Per latinisti 2

Un antico romano entra in un bar alza l’indice e il medio della mano destra e ordina cinque birre.

Spiegazione: provate a fare il segno della vittoria con le dita, è equivalente a V, che nella numerazione romana indicava il numero cinque.
11. Per chimici 2

Anche Elio entra in un bar e chiede una birra, il barista risponde: mi dispiace, non serviamo gas nobili qui. Elio non ha alcuna reazione alla risposta.

Spiegazione: l’Elio è un gas nobile, senza colore, senza odore, non infiammabile e che non ha nessuna reazione. Mentre la birra è gasata, ha odore, colore e, soprattutto, provoca qualche reazione. Dunque non è certo un gas nobile.
12. Per ingegneri

La moglie dice al marito ingegnere: vai al supermercato e compra 5 mele, se hanno le uova comprane 10. Il marito va al supermercato e chiede alla commessa se hanno uova. Risposta: sì, certo. Ok mi dia 10 mele, per favore.

Spiegazione: c’è proprio bisogno di spiegarla?
13. Per statistici.

Tre statistici vanno a caccia. Il primo manca un coniglio di un metro sulla destra, il secondo di un metro sulla sinistra e il terzo esclama: “l’abbiamo preso”!

Spiegazione: la media tra un metro a destra e un metro a sinistra del coniglio è esattamente dove è il coniglio.
14. Per linguisti

La prima regola del club della tautologia è la prima regola del club della tautologia.

Spiegazione: v. la prossima
15. Per logici 2

Tautologia è “ciò che è tautologico”

Spiegazione: in linguistica la tautologia è una figura retorica che consiste nell’aggiunta di contenuto ridondante e dal significato ripetitivo all’interno di un dato discorso al fine di porre maggiore enfasi. In logica, invece, è un’affermazione vera per definizione, quindi fondamentalmente priva di valore informativo.