sabato 1 aprile 2017

Milano, scarcerata perchè incinta, viene arrestata dopo un'ora per borseggio

ilmattino
di Michela Allegri

La ritrovata libertà è durata poco più di un'ora, per una quarantaduenne bosinaca detenuta nel carcere di San Vittore, a Milano. Condannata a 15 anni e 9 mesi per un cumulo di pene passate in giudicato, era stata appena scarcerata perchè incinta. Subito dopo essere uscita dal carcere, la donna ha preso la metropolitana per tornare a casa e non ha fatto nemmeno una formata: è stata nuovamente arrestata per un borseggio sul treno.

La straniera era stata catturata il 28 marzo dalla polizia. Le sue spalle erano appesantite da una condanna a poco meno di 16 anni diventata ormai definitiva. La donna era specializzata in furti e borseggi. Nel corso del tempo aveva messo insieme un curriculum criminale di tutto rispetto, accumulando una sfilza di precedenti e di sentenze passate in giudicato. Dopo due giorni trascorsi in carcere, però, i giudici le hanno concesso un decreto di differimento della pena, visto che era incinta di circa 5 mesi. Così, ieri è tornata in libertà.

Ha lasciato San Vittore verso le 17,30. Alle 18,40 era di nuovo in manette. E' stata bloccata dagli agenti della Polmetro, che l'hanno colta in flagrante mentre borseggiava una donna di 61 anni sulla metro in direzione Sant'Ambrogio.

Venerdì 31 Marzo 2017, 18:46 - Ultimo aggiornamento: 01-04-2017 00:48