lunedì 17 aprile 2017

“Insulti alle giovanissime del Toro Femminile”: il presidente ritira la squadra dal torneo

lastampa.it
paolo accossato

Roberto Salerno si rivolge alla Procura Federale per far luce sugli insulti che le ragazze avrebbero ricevuto dalla compagine maschile del Bruino. Il presidente avversario: «Falso»



Un nuovo episodio di intolleranza getterebbe di nuovo ombre pesanti sul calcio giovanile, dopo gli insulti omofobi delle scorse settimane. Il presidente del Torino Calcio Femminile, Roberto Salerno, annuncia - anche online su Facebook - il ritiro dal torneo della squadra delle Giovanissime (tra i 13 e i 15 anni), che sarebbe stata presa di mira da pesanti insulti nel match contro la Bruinese maschile. Il presidente della squadra sotto accusa, Andrea Taramasco, nega categoricamente e annuncia azioni legali. Salerno, in un comunicato, dice anche di voler ricorrere alla Procura Federale: «Il Torino calcio femminile - si legge - non intende far passare inosservate le gravissime discriminazioni omofobiche subite dalla Squadra Giovanissime durante la partita giocata ieri contro la Bruinese (maschile), nel corso del Torneo di categoria di Giaveno».

Prosegue il presidente Salerno: «Secondo una precisa ricostruzione, la squadra avversaria, con i suoi Giocatori e Dirigenti nonché con la sua tifoseria, ha, ripetutamente, fatto oggetto le ragazze del TCF di gravissime espressioni omofobiche e di scherno che hanno obbligato i nostri Dirigenti a richiedere, addirittura durante la partita, l’intervento del Direttore di Gara». Il presidente del Torino Calcio femminile definisce «condotta gravissima» ciò che è avvenuta, e sottolinea che l’aggresione verbale «è iniziata prima della gara e si è protratta anche dopo il suo termine con il concorso di persone maggiorenni, condizionando gravemente il normale svolgimento di una competizione sportiva e turbando la sensibilità delle ragazze».

Il preside della Bruinese maschile, Andrea Taramasco, contrattacca e annuncia azioni legali contro chi diffama la sua squadra: «La partita si è svolta regolarmente, senza alcun insulto». Anche Taramasco ha diramato in mattinata un comunicato ufficiale della società: «L’incontro si è concluso 7-0 con un referto dell’arbitro in cui non sono stati segnalati comportamenti antisportivi». Sottolinea: «Alla luce delle testimonianze dei presenti all’incontro e degli organizzatori del torneo, la Polisportiva si dichiara assolutamente estranea ai fatti e si avvalerà dei propri legali affinché la verità sia portata alla luce: è increscioso accusare la Bruinese che da anni agisce sul territorio promuovendo eventi di carattere sociale ed educativo, come il trofeo femminile che si sta disputando in questi giorni, il trofeo delle donne in programma per il 26 maggio e il torneo “un calcio al bullismo” fissato per il prossimo primo giugno».

Durante il match l’allenatore della Bruinese è stato espulso, ma anche su questo fatto le opinioni divergono. Salerno sostiene sia stato allontanato dal campo proprio per gli insulti lanciati dalla sua squadra, mente il presidente della Bruinese dice che le ragioni non siano assolutamente quelle.