giovedì 6 aprile 2017

Il più antico trattato di pace della storia? Una tavoletta di terracotta di 5 mila anni fa

lastampa.it
emanuele bonini

Il Consiglio europeo ospita il reperto con cui venne siglato l’accordo di buone relazioni tra Ebla (a 60 chilometri da Aleppo) e Abarsal, città sulle rive del fiume Eufrate



La testimonianza storica della diplomazia, l’esempio millenario della costruzione di pace. Nel giorno della conferenza sugli aiuti per la Siria, la sede del Consiglio europeo ospita il trattato internazionale più antico della storia dell’umanità. Si tratta della tavoletta di terracotta su cui è inciso l’accordo di buone relazioni tra Ebla (antica città del III millennio a.C., i cui resti si trovano a circa 60 chilometri a sud-ovest di Aleppo) e Abarsal, città che gli archeologi non sono riusciti a identificare e che ritengono si trovasse sulle rive del fiume Eufrate.

Il reperto risale al 2.350 a.C. circa, ed è stato portato a Bruxelles per una mostra inaugurata oggi alla presenza dell’Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell’Ue, Federica Mogherini, in una pausa dei lavori della conferenza. “Gli stessi che oggi hai riunito attorno al tavolo, 4.300 anni fa facevano la pace”, le parole rivolte a Mogherini da Francesco Rutelli, presidente dell’associazione “Incontro di civilità” promotrice dell’iniziativa.



L’accordo internazionale più antico della storia vuole offrire un messaggio simbolico, e la scelta di aprire l’esposizione (ospitata fino al 21 aprile) con la riunione a livello ministeriale sulla Siria non è stata un caso. “Ebla, una nuova cultura, un nuovo linguaggio, a nuova storia”, questo il titolo della particolare esposizione, vuole offrire un contributo alla scrittura di una nuova pagina di storia siriana dopo sei anni di guerra civile. 

Il trattato internazionale sottoscritto tra Ebla e Abarsal inizia con la definizione dei due territori, contiene disposizioni relative al rifornimento d’acqua per le carovane, alla consegna delle merci, al controllo sul transito di viaggiatori stranieri nel territorio di Abarsal, con l’obbligo di informare la città di Ebla di ogni attività ostile, al commercio. Sulla tavoletta del III millennio a.C. è scritto anche che il re di Abarsal non poteva prendere i beni di cittadini di Ebla morti su suolo di Abarsal. La tavoletta venne rinvenuta all’interno delle sale degli archivi reali di Ebla, sito archeologico i cui scavi iniziarono nel 1964 dall’equipe guidata dall’italiano Paolo Matthiae. In Consiglio è stata ricostruita in scala 1:1 la sala dove è stata rinvenuta, così come trovata dai ricercatori.