venerdì 14 aprile 2017

Gli ergastolani: “Meglio l’eutanasia che la vita in cella”

lastampa.it
francesco grignetti

Provocatoria iniziativa nata nelle carceri italiane. Chiederanno le firme a una proposta di iniziativa popolare per consentire l’eutanasia volontaria per chi ha la condanna a vita



Viene dal carcere l’ultima provocazione: oltre 100 ergastolani hanno inviato una lettera al Garante nazionale per i diritti delle persone detenute, Mauro Palma, annunciando di voler avviare la raccolta di firme per una proposta di legge che dovrebbe permettere a chi sta scontando la pena dell’ergastolo, in particolare quella dell’ergastolo ostativo, quando la pena è davvero a vita e non è previsto alcun beneficio, di ricorrere all’eutanasia. Titolo della lettera, «Contro la pena di morte viva».
 
Il professor Palma, ricevuta la lettera, colto l’evidente «elemento provocatorio della richiesta», da parte sua ritiene giusto aprire un dibattito sull’ergastolo. C’è un illustre precedente. Papa Francesco, un paio di anni fa, scrivendo di suo pugno un messaggio alla Commissione internazionale contro la pena di morte, sosteneva che «la pena dell’ergastolo, così come tutte la condanne che per la loro durata rendono impossibile per il condannato progettare un futuro, può essere considerata una pena di morte nascosta». Se ne parlò per qualche giorno, poi il nulla. 

Scrivono ora gli ergastolani che l’idea è nata riflettendo su quei Paesi europei che hanno legalizzato l’eutanasia, e seguendo l’appassionato dibattito in Belgio che ha accompagnato l’eutanasia di una giovanissima affetta da depressione. La lettera è un pugno nello stomaco: «Se a una ragazza di 24 anni - scrivono - è stato concesso di morire per sua volontà, nonostante con i giusti aiuti si può guarire per depressione, perché non autorizzare l’eutanasia ad ergastolano privo di ogni possibilità di avere una sola gioia di vita? Vivere per decine di anni in una stanza aspettando la vecchiaia e poi la morte è la tortura più perversa e crudele che un uomo possa ricevere».