lunedì 13 marzo 2017

Mr. Mivar chiama Samsung: "Produci in Italia, puoi usare le mie fabbriche gratis"

corriere.it
di Roberto Pezzali


Con una lettera indirizzata a Samsung e pubblicata sul sito di Mivar Carlo Vichi, deus ex machina dello storico marchio di TV italiani offre il suo polo produttivo al numero uno asiatico. "Samsung, produci in Italia"

"Signori Imprenditori asiatici, siete gli unici costruttori della componentistica elettronica. Venite a rendervi conto dei vantaggi che potreste avere assemblando in Italia 3 milioni all'anno dei vostri televisori, la Mivar vi concederebbe l'uso gratuito di un complesso industriale unico al mondo in provincia di Milano, come pure il supporto necessario a una vostra presenza in Italia. Il governo stesso darà il benvenuto a una Industria costruttrice di televisori. Signor Presidente della Samsung, mandi un suo incaricato a verificare personalmente come stanno le cose, non le costerà nulla."

Questo è il messaggio che il patron Carlo Vichi, anni 94, ha pubblicato in questi giorni sul sito della Mivar, lo storico marchio di televisori italiani che il 20 dicembre del 2013 ha prodotto il suo ultimo televisore. Mivar per anni è stata una costante in tutte le case degli italiani, buona costruzione, buona qualità e prezzo super competitivo rispetto al resto del mondo: con i TV CRT, ingombranti e pesanti, produrre all’estero non era certo un vantaggio.



L’arrivo degli LCD, la spinta sul design, sulle nuove tecnologie e il progresso del settore hanno però portato in poco tempo la Mivar al fallimento: il 20 dicembre del 2013 la nuova ed evoluta fabbrica, che Vichi aveva costruito per far fronte proprio agli orientali, ha prodotto il suo ultimo televisore. Ora quelle stesse fabbriche, vicine a Malpensa e collocate in una posizione anche strategica, vengono offerte a Samsung: il colosso coreano produce i suoi televisori per l’Europa in Polonia e l’opzione Italia potrebbe non essere affatto una brutta idea.

Vichi non intende trattare: l’uso delle fabbriche sarà gratuito così che tutto il sostegno, ma a carico di Samsung sarà ovviamente l’assunzione della forza lavoro per poter mandare avanti il tutto. Raccoglierà Samsung l’appello?