sabato 11 marzo 2017

Cane paralizzato si trascina per chilometri in cerca di aiuto

lastampa.it
giulia merlo



Ha sofferto una ferita dolorosissima, provocata da un animale selvatico o forse dai calci di un umano: la rottura della spina dorsale le ha reso inutilizzabili le zampe posteriori. Eppure questa cagnolina non si è data per vinta e ha provato a curarsi da sola per settimane e forse addirittura per mesi, prima di cercare aiuto.

La piccola coraggiosa si è trascinata per chilometri e chilometri di strada alla ricerca di aiuto, fino a quando si è imbattuta in Susanne. La donna lavora in un campo di ricerca sugli elefanti nella regione di Okavango, in Botswana, e quando l’ha vista strisciare verso l’ingresso del suo campo di lavoro è rimasta scioccata.



“Strisciava letteralmente, perché le sue zampe posteriori erano del tutto paralizzate. Non riusciva a camminare e aveva bisogno di aiuto”, ha raccontato. A quel punto Susanne e i suoi colleghi hanno accolto la cucciola e hanno provato ad assisterla al meglio. Il veterinario più vicino era a 8 ore di macchina dal campo, così l’hanno curata da soli per giorni, fino a quando non hanno potuto accompagnarla.

“Il nostro campo si trova in una zona molto remota del paese, piena di elefanti, leoni, iene e molti altri predatori. Ma la cagnolina Poppy è riuscita a raggiungerci”, ha raccontato. Un viaggio difficile, soprattutto a causa della sua lesione spinale ma anche perchè ha dovuto evitare predatori e pericoli lungo il percorso.



Alla fine, Poppy è stata portata da un veterinario. La cagnolina di circa sette mesi ha bisogno di un’operazione chirurgica per guarire dalla lesione e una collega di Susanne ha iniziato una raccolta fondi su GoFoundMe per trovare i finanziamenti per pagarla. “Il veterinario ci ha detto che la possibilità che guarisse del tutto era molto remota, ma Poppy ha così tanta vita che ero sicura che avrebbe combattuto per tornare a camminare. Per questo non ho voluto saperne di sopprimerla”, ha spiegato Susanne.



Dopo giorni di cure, buon cibo e medicinali le condizioni di Poppy sono migliorate incredibilmente e il veterinario ha consigliato di farle riprendere completamente le forze prima di pensare di procedere con un’operazione così rischiosa. “Lei ci guarda con i suoi occhi grandi, imploranti e pieni di vita. E’ una cagnolina dolcissima e lo abbiamo visto subito, nonostante le condizioni disperate in cui la abbiamo trovata”.



Ora Poppy vive insieme ai suoi amici in Botswana e recupera le forze. Entro qualche mese, a seconda di come saranno le sue condizioni, i medici decideranno come procedere. La cagnolina però non cede e ogni giorno dimostra ai suoi salvatori la sua voglia di futuro.