mercoledì 29 marzo 2017

Apple sempre più verde: meno inquinamento, più riciclo

lastampa.it

Pubblicato l’annuale rapporto sui fornitori: l’impegno per l’ecologia e le energie rinnovabili prosegue e coinvolge anche i fornitori. Uno solo dei quali è italiano

Apple ha appena pubblicato il consueto report annuale sulla responsabilità dei fornitori, disponibile su questa pagina . Dopo gli anni dei suicidi alla Foxconn, Apple ha cominciato a prendere molto sul serio le condizioni di lavoro non solo dei diretti dipendenti ma anche dei fornitori. Una delle prime mosse pubbliche di Tim Cook poco dopo il suo insediamento come Ceo fu appunto visitare gli impianti cinesi, e da allora molte cose sono cambiate.

Nel 2016, l’azienda di Cupertino ha effettuato controlli su 705 fornitori e ha verificato che il rispetto del limite massimo di 60 ore nell’arco della settimana lavorativa ha raggiunto il 98%; sono stati risolti 22 casi di violazione dei diritti umano e/o dei lavoratori.

“L’impegno di Apple verso un approvvigionamento responsabile - si legge nel report - è stato esteso al di là dei minerali ‘conflict-free’ arrivando ad includere per la prima volta il cobalto. Per il secondo anno consecutivo, il 100% delle fonderie e raffinerie dello stagno, tungsteno, tantalio, e oro (3TG) utilizzato da Apple stanno partecipando a controlli indipendenti di terze parti”. Apple ha anche collaborato con numerose organizzazioni non governative, tra cui Pact, per garantire una formazione di base sulla salute e sulla sicurezza nelle attività minerarie artigianali e creare programmi per aiutare i bambini a continuare a frequentare la scuola.



Per la prima volta i fornitori di Apple hanno raggiunto il 100% di validazione UL del programma “zero rifiuti in discarica” per tutti i siti di assemblaggio finale in Cina. Dal 2013, il programma Clean Water di Apple ha risparmiato oltre 14 milioni di metri cubi di acqua, sufficienti a fornire ad ogni persona sul pianeta 18 bicchieri di acqua. Il report completo è qui , e scorrendolo si trovano altri numeri interessanti: 99 % della carta è riciclata o arriva da foreste sostenibili, l’immissione di biossido di carbonio nell’atmosfera è scesa di 150.000 tonnellate rispetto al 2015, che corrisponde all’inquinamento prodotto da 31.000 automobili in un anno.

Nel 2016, Apple ha coinvolto in attività di formazione oltre 2,4 milioni di lavoratori sui loro diritti come lavoratori dipendenti. Dal 2008, più di 2 milioni di persone hanno partecipato al programma SEED di Apple (Supplier Employee Education and Development). Il programma offre la possibilità di ottenere titoli di istruzione superiori, di partecipare a corsi di formazione professionale, e frequentare lezioni di varie arti, finanza e lingue.

Qui invece l’elenco dei principali fornitori di Apple : figura solo un’azienda italiana, la ST Microelectronics.