venerdì 17 febbraio 2017

"Rubare è un reato, chi ha fame vada alla Caritas"

Andrea Cuomo - Ven, 17/02/2017 - 08:59

La Cassazione: nessuna scusante a una donna che aveva sottratto del parmigiano per necessità

Rubare è sempre reato. Anche quando si ha fame. Lo ha deciso la Corte di Cassazione con una sentenza che contraddice quella pronunciata qualche mese fa che invece «assolveva» un ladro indigente.

Due storie molto diverse ma accomunate da un furto compiuto all'interno di un negozio. La sentenza resa nota ieri riguarda il caso di un taccheggio avvenuto il 30 settembre 2014 in un ipermercato Auchan di corso Romania, a Torino. Una donna straniera senza permesso di soggiorno e senza dimora, Jonela S., aveva imboscato sei pezzi di Parmigiano-Reggiano del valore totale di 82 euro in una borsa dopo aver staccato le placche elettroniche.

Poi aveva preso merci di scarso valore (una bottiglia di acqua, una birra e un succo di di frutta) e si era recata alla cassa per pagarle. Ma un vigilante aveva notato le sue manovre e l'aveva fermata. Lei dopo avere strepitato un po' aveva ammesso il furto (e ci mancherebbe altro) ma si era giustificata sostenendo di aver sottratto il prezioso formaggio «per poterlo rivendere e guadagnare denaro per affrontare le esigenze della vita».

Forse è stato il valore della merce sottratta, non del tutto trascurabile, forse è stata l'intenzione di rivenderla e non quella di mangiarsela, forse ancora hanno pesato le tredici precedenti condanne a carico della donna per lo stesso reato (la fame, si sa, dopo un po' torna) fatto sta che i giudici romani hanno pensato che il caso non rientrasse in quella prevista dall'articolo 54 del codice penale, secondo cui «non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità».

Del resto alla stessa conclusione erano giunti i colleghi della Corte di Appello di Torino, che avevano precedentemente condannato la donna a due mesi di carcere e 400 euro di multa per tentato furto. Interessante però la motivazione della Cassazione: se uno ha fame non necessariamente deve trasformarsi in un ladro: «Alle esigenze delle persone che versano in tale stato è possibile provvedere per messo degli istituti di assistenza sociale o per esempio la Caritas».

Solo qualche mese fa, nel maggio del 2016, la stessa Corte si era espressa in modo del tutto differente per una vicenda parzialmente analoga. Anche in quel caso si trattava di un giovane straniero senza fissa dimora, tale Roman Ostirakov, anche in quel caso il ladro aveva portato in cassa un prodotto di scarso valore (una confezione di grissimi), anche in quel caso a notare il furto era stato un addetto alla vigilanza.

Ciò che era differente in quel caso era il valore della refurtiva: una confezione di würstel e del formaggio per un ammontare di circa 4 euro. In quel caso era davvero pensabile che l'uomo volesse mangiare al più presto il suo magro bottino. E quindi la Cassazione aveva ribaltato l'iniziale condanna da parte della Corte di Appello di Genova per tentato furto, dichiarando che «la condizione dell'imputato e le circostanze in cui è avvenuto il furto dimostrano che egli si impossessò di quel poco cibo per far fronte ad una immediata e imprescindibile esigenza di alimentarsi, agendo quindi in stato di necessità».

A fare ricorso in Cassazione in quel caso non era stato l'imputato bensì il procuratore generale della Corte di Appello di Genova secondo cui era sbagliato il capo di imputazione: non furto lieve, come stabilito in primo e secondo grado, ma tentato furto dal momento che Roman era stato bloccato prima di uscire dal supermercato.