sabato 4 febbraio 2017

La panacea dei ciclisti, ecco il motore elettrico che si adatta ad ogni bici

La Stampa
paolo lauri

Realizzato a Singapore per ora il progetto è solo un prototipo


Ecco come si collega Ease ad una comune bici (Foto TUMCREATE)

Un motore elettrico, piccolo e poco ingombrante, applicabile a qualunque bici. È il sogno di ogni ciclista che presto potrebbe vedersi realizzato. Per ora è un prototipo con tanto di brevetto, ma il gruppo di ricercatori di Singapore della Tumcreate, polo realizzato dalla locale Nanyang Technological University e dalla Technical University di Monaco di Baviera, sembra fare sul serio: il motore pesa solo 3,5 kg ed ha già superato una prima fase di test. Una volta prodotto su larga scala potrebbe imprimere una svolta nel mercato delle due ruote, ma anche modificare le abitudini in fatto di mobilità di milioni di persone. 

Leggero e compatto, «Ease» può essere infilato in uno zainetto e trasportato senza particolari sforzi o fastidi sia a piedi, sia sui mezzi pubblici sia, a maggior ragione, in auto. Individuata una bicicletta su cui montarlo, per esempio una di quelle offerte dai servizi di bike sharing, in soli dieci secondi Ease permette di trasformarla in una due ruote a pedalata assistita, così da far bruciare salite e chilometri in un attimo anche al meno allenato dei ciclisti. Poi, altrettanto facilmente, si smonta, quindi entrati in casa o in ufficio si possono mettere le batterie in ricarica per un successivo utilizzo. Queste sono al litio e garantiscono sino a 50 chilometri di percorrenza, assistita da un motore elettrico da 250 W che si spegne automaticamente quando la bici raggiunge i 25 km orari.

Ora il team della Tumcreate è alla ricerca di un’azienda del settore che creda in Ease. Chiarisce il principale ideatore, Felix Romer: «Ci sono già stati molti tentativi per realizzare qualcosa di simile ma la maggior parte delle soluzioni richiede modifiche alla bici», oppure si adattano solo a specifici modelli. «Il nostro è adatto per chi deve andare in ufficio ogni giorno o deve effettuare un percorso troppo lungo per la bici e non trova pratico utilizzare una più costosa bicicletta a pedalata assistita».