martedì 17 gennaio 2017

Microsoft lancia uno strumento per controllare la privacy su Windows 10

La Stampa

La novità, che sarà introdotta con l’aggiornamento Creators Update, permetterà di supervisionare la condivisione delle informazioni sulle proprie attività, come la localizzazione, le ricerche online, la navigazione e gli appunti di Cortana



Microsoft risponde alle preoccupazioni sulla privacy per gli utenti del sistema operativo Windows 10 con uno strumento che consentirà di visualizzare e controllare i dati raccolti dall’azienda. La novità, che sarà introdotta con l’aggiornamento Creators Update, darà modo agli utenti di supervisionare la condivisione delle informazioni sulle proprie attività. Tra queste, spiega Microsoft, la localizzazione, le ricerche online, la navigazione e gli appunti di Cortana.

La «dashboard digitale» è un pannello di controllo che permetterà agli utenti di usare l’account Microsoft per accedere a una sezione `privacy´ in cui visualizzare e cancellare dati quali la cronologia di navigazione e delle ricerche, la geolocalizzazione e gli appunti di Cortana.

Con l’aggiornamento, si legge in un post del vicepresidente di Microsoft Terry Myerson, verrà semplificata la raccolta, da parte dell’azienda, dei dati di diagnostica, passando da tre livelli a due: Basic o Full. Per il livello Basic verrà attuata «un’ulteriore riduzione dei dati raccolti», limitandoli alle informazioni indispensabili per il funzionamento di Windows. Nell’agosto scorso la Electronic Frontier Foundation aveva accusato Microsoft di raccogliere «un quantitativo senza precedenti di dati d’uso» degli utenti di Windows 10.