mercoledì 14 dicembre 2016

Studenti del Pininfarina contro la borsa di studio al compagno venditore abusivo di merendine

La Stampa
giuseppe legato

Protesta davanti alla scuola: «Ingiusto premiare l’illegalità e non i meriti scolastici». Lui li sfotte in chat: «Siete degli handicappati». Anche Libera e Acmos contro il riconoscimento



Cinquecento studenti del Pininfarina hanno manifestato contro l’assegnazione di una borsa di studio al compagno di scuola che vendeva abusivamente panini e merendine all’interno dell’istituto tecnico di via Ponchielli. «Non ci pare giusto che venga premiata un’attività illegale e non invece il merito di chi studia tutto l’anno duramente». Gli studenti non sono entrati a scuola e hanno esposto striscioni che criticano la Fondazione Einaudi che oggi consegnerà allo studente imprenditore una borsa di studio per premiare «il suo spirito di iniziativa». 



Il giovane, intanto, ha irriso su una chat i compagni che hanno esibito i messaggi di scherno: «Domani andrò in tv probabilmente e anche quelli del Pininfarina la fuori a protestare come c....i con il freddo e tutto. Tanto la borsa di studio la prendo comunque. Sono solo degli handicappati».

Anche Libera Piemonte e l’associazione Acmos sostengono la manifestazione degli studenti dell’Istituto Pininfarina di Moncalieri contro la decisione di premiare il «venditore abusivo di merendine» in quanto esempio di imprenditorialità: «Riteniamo che la scuola e le organizzazioni che ne sostengono l’operato debbano contrastare, e non sostenere, la cultura dell’illegalità e della furberia, brutto male del nostro Paese, punto di partenza di fenomeni più grandi che invadono il mondo della politica e dell’imprenditoria, e che stanno ostacolando il futuro di tanti giovani».

Libera e Acmos preferiscono «premiare la scelta etica dei tanti studenti che si sono ribellati e hanno deciso di non normalizzare questo fatto e bloccare il normale svolgimento delle lezioni».