sabato 26 novembre 2016

Stati Uniti, l’Nhtsa chiede un “driver mode” che limiti le funzioni dello smartphone mentre si guida

La Stampa
omar abu eideh (nexta)

L’Nhtsa, ente federale per la sicurezza stradale, propone ai costruttori di telefoni di ideare una sorta di “modo aeroplano” per chi è al volante



L’uso scorretto dello smartphone mentre si è alla guida rimane uno dei principali motivi di distrazione: la stessa che ogni anno causa almeno il 10% degli incidenti stradali negli Stati Uniti. Per questo la National Highway Traffic Safety Administration (Nhtsa), l’ente americano per la sicurezza stradale, ha chiesto agli sviluppatori di app e sistemi operativi di introdurre volontariamente una modalità d’uso “driver mode” che limiti le funzioni dei dispositivi (e la disattenzione derivante) mentre si è al volante. Qualcosa di simile alla “modalità uso aereo”, che disabilita le connessioni e va selezionato quando si vola.

Di base, l’Nhtsa punta a promuovere dispositivi infotelematici per auto in grado di collegarsi con lo smartphone: grazie al “mirroring” (Apple CarPlay, nella foto in alto, e Android Auto), già da qualche anno molte funzioni del telefono si controllano direttamente dal sistema di bordo della vettura. Già questo contribuisce a limitare le distrazioni, consentendo quasi sempre al guidatore di mantenere le mani sul volante e lo sguardo sulla strada. Tuttavia, grazie all’auspicata “modalità guida”, l’ente americano vorrebbe pure che le funzioni relative all’ intrattenimento (video, foto), ai social network e all’uso di internet fossero disabilitate per tutto il tempo che l’automobilista trascorre in marcia. 

Va comunque sottolineato che oggi non esiste un modo per determinare quando il telefono sia usato dal guidatore e non, per esempio, da un passeggero. Quindi, al pari di quella “aereo”, la modalità di utilizzo “driver mode” andrebbe impostata dal guidatore: starebbe alla sua sensibilità farlo, esattamente come oggi sta a lui non consultare i social network mentre guida. Forse è anche per queste che la Nhtsa invita, ma non obbliga, gli sviluppatori a rispettare le linee guida. Sta di fatto che i numeri delle “vittime da distrazione” sono impressionanti: nel 2015 sono state poco meno di 3.500 negli Usa, in crescita del 9% rispetto al 2014.