lunedì 28 novembre 2016

La prima lettera di Fidel Castro a Roosevelt: aveva solo 12 anni

La Stampa



Il 6 novembre 1940 un bambino di 12 anni, cubano, scrive una lettera al presidente degli Stati Uniti, Franklin Delano Roosevelt. Quel ragazzino si chiama Fidel Castro e chiede al leader americano 10 dollari perché non ha mai visto una banconota statunitense. Il piccolo Fidel invita Roosevelt a visitare Cuba, promettendogli di fargli vedere le più grandi miniere di ferro del pianeta per costruire le navi Usa.

«Roosevelt, mio grande amico, non so bene l’inglese ma ti scrivo lo stesso. Mi piace ascoltare la radio e sono felice perché ho sentito che sarai di nuovo presidente. Ho 12 anni, sono solo un ragazzo e penso molto, ma non faccio caso al fatto che io stia scrivendo al presidente degli Stati Uniti. Se vuoi, inviami una banconota da dieci dollari in risposta alla lettera: non ne ho mai vista una e mi piacerebbe averla. [...] Non conosco bene l’inglese, conosco molto bene lo spagnolo, ma credo che invece tu non lo sappia e che tu conosca molto meglio l’inglese perché sei americano, ma io non sono americano. Grazie mille, a presto. Il tuo amico Fidel Castro. Se vuoi ferro per costruire le tue navi, sarò lieto di mostrarti le più grandi miniere di ferro del Paese».