giovedì 20 ottobre 2016

Torna Kodak con uno smartphone votato alla fotografia

La Stampa
bruno ruffilli

L’azienda americana presenta Ektra, un apparecchio Android di fascia media che riprende il nome e l’estetica di una storica macchina fotografica. Basterà la nostalgia a spingere gli acquisti?



Nella già sovraffollata fascia media degli smartphone debutterà fra qualche settimana il Kodak Ektra, secondo apparecchio della storica azienda americana. Il primo è infatti l’IM5, presentato al Ces di Las Vegas lo scorso anno e mai arrivato in Italia. Diversa dovrebbe essere la sorte dell’Ektra, che rimanda all’omonima macchina fotografica Kodak del 1941, specialmente nell’estetica, in (simil)pelle e metallo. Per il resto, è un apparecchio tutto nuovo, costruito in Cina e progettato dall’inglese Bullit, che produce anche smartphone per i marchi Cat, JCB e Land Rover.

A differenziarlo dai tanti concorrenti dovrebbe però essere la sezione fotografica particolarmente avanzata: un sensore da 21 Megapixel con stabilizzatore a 6 assi, l’app Snapseed di Google preinstallata per ritoccare ed elaborare le immagini, e un’app Camera pensata da Kodak, che permette regolazioni manuali complesse ed effetti speciali, come la simulazione della profondità. L’apparerecchio registra anche video in 4K, come molti concorrenti.

Le altre caratteristiche sono interessanti ma non da primato: fotocamera anteriore da 13 Megapixel, processore MediaTek HELIO X-20 2.3ghz deca-core con 3GB ram e 32GB di memoria (c’è anche uno slot MicroSD), display da 5 pollici Full HD, 1920x1080, 441ppi, con Gorilla Glass. La batteria (non rimovibile) è da 3000 mAh e supporta la ricarica rapida. Il sistema operativo è Android 6.0 Marshmallow, quando già cominciano ad arrivare i primi terminali con Nougat.



Al di là dell’estetica, piacevole ma non necessariamente comoda (l’Ektra è infatti più spesso, più grande e pesante di tutti gli altri smartphone da 5 pollici), i dubbi sull’operazione sono parecchi. Intanto, per un apparecchio che punta tutto sul comparto fotografico, questo smartphone Kodak dovrebbe avere uno zoom ottico (come il modulo Hasselblad per il Moto Z di Lenovo) o un doppio sensore, come i top di gamma LG, Huawei, Apple. Non è così, a scorrere le specifiche sul sito ufficiale, e il grosso obiettivo anteriore sarebbe più che altro una soluzione di design, non una necessità funzionale. A spingere all’acquisto rimarrebbe solo il look retro. Basterà? Lo scopriremo nelle prossime settimane: il Kodak Ektra dovrebbe essere in vendita prima della fine dell’anno circa 500 euro.