domenica 23 ottobre 2016

Tim verso il 5G, l’esperimento di Torino è riuscito

La Stampa

Tim accelera il percorso verso il 5G, sperimentando in campo a Torino il superamento dei 500 mega su singola connessione dati in download su rete live Lte. Tim è infatti il primo operatore in Italia, e tra i primi al mondo, a introdurre la tecnologia 4.5G, che consente di innalzare la velocità di trasmissione e la qualità di navigazione tramite la rete LTE, grazie all’adozione di opportune tecniche su rete mobile e terminali compatibili.

L’azienda, dopo aver lanciato per prima in Italia il 4G Plus (LTE Advanced) e aver raggiunto la massima velocità dei 300 Mbps attualmente offerta sulla rete LTE in otto città (Roma, Milano, Genova, Torino, Napoli, Prato, Verona e Palermo), raggiunge questo ulteriore traguardo confermando il ruolo centrale nell’innovazione delle reti mobili ultrabroadband. I test sono stati realizzati con successo prima presso i laboratori dell’innovazione di Torino e poi in campo, sulle stazioni radio base della città.

Le nuove prestazioni sono state raggiunte utilizzando l’allargamento dello spettro di frequenze complessivamente disponibile per la singola connessione dati - unendo le bande di frequenza LTE tramite Carrier Aggregation - e incrementando la velocità di trasmissione a parità di banda disponibile. Il progetto si avvale della collaborazione di Ericsson, che ha messo a disposizione soluzioni tecnologiche e servizi avanzati di rete, e di Qualcomm Technologies Inc., che ha fornito i terminali di test con il modem Qualcomm Snapdragon Lte X16

«Siamo orgogliosi di aver raggiunto per primi questo importante traguardo - ha dichiarato Giovanni Ferigo, Responsabile Technology di Tim - che anticipa e prepara il 5G: consente di offrire le migliori prestazioni e di incrementare la capacità di rete per rispondere alla crescente domanda di banda ultra larga in mobilità legata all’esplosione dei contenuti video anche full HD e 4K, dei social network e in generale dei nuovi servizi digitali che quotidianamente trasformano le nostre vite».