lunedì 24 ottobre 2016

Le dieci regole della Fao contro gli sprechi alimentari

La Stampa
marco tedeschi

Gli ecoconsigli perchè tutti possano salvare le risorse naturali del Pianeta e combattere la fame


Cibo ancora integro dei supermercati gettato via perché scaduto o con le confezioni danneggiate

Il nostro pianeta si sta riscaldando. Si sciolgono i ghiacciai, s’innalza il livello del mare ed eventi meteorologici estremi come siccità, cicloni e alluvioni stanno diventando più comuni. Tutti questi eventi hanno due cose in comune: gli effetti più pesanti ricadono sulle persone più povere, molti dei quali lavorano la terra, rendendo più difficile per loro coltivare cibo, e minacciano l’obiettivo globale di porre fine alla fame entro il 2030. La buona notizia è che ognuno di noi può fare la sua parte. Abbiamo bisogno di consumare meno energia o utilizzare fonti meno inquinanti, salvare i nostri boschi, sprecare meno e proteggere le preziose risorse naturali del pianeta come l’acqua e la terra, tra le altre cose.

Cosa puoi fare? È possibile affrontare i cambiamenti climatici modificando le nostre abitudini quotidiane e prendendo semplici decisioni. La Fao, l’organizzazione delle Nazioni Unite che si occupa di alimentazione, vi sfida a scegliere almeno quattro delle azioni per combattere il cambiamento climatico elencate di seguito, e a seguirle, usando l’hashtag #WFD2016

1 - PRESERVARE LE PREZIOSE RISORSE NATURALI DEL PIANETA
La terra ci fornisce tutto il necessario per coltivare cibo e vivere una vita sana, in forma di risorse naturali. Queste risorse sono terra, acqua, animali e piante. Non possiamo coltivare cibo senza acqua e suolo, e avremo difficoltà a coltivare abbastanza cibo sano e nutriente se l’acqua che abbiamo è inquinata e il terreno è stato spogliato di tutti i ricchi minerali che lo rendono fertile.

Se vogliamo essere in grado di continuare a coltivare cibo sicuro e nutriente per tutti sul pianeta dobbiamo proteggere le nostre risorse naturali. Non sprecare l’acqua. Fatevi una breve doccia piuttosto che il bagno. Le vasche usano molti più litri d’acqua di una doccia di 5-10 minuti. E chiudete il rubinetto mentre vi lavate i denti. Pulire i denti con il rubinetto aperto utilizza 6 litri di acqua, mentre la loro pulizia con il rubinetto chiuso utilizza meno di 1 litro di acqua.

Se notate perdite, aggiustatele! Un rubinetto che perde può sprecare più di 11 mila litri di acqua in un anno, mentre una perdita del water può sprecare più di 700 litri di acqua al giorno. Se si utilizza una lavastoviglie, non sciacquate i piatti prima di metterli nella macchina. Riempite la lavatrice a pieno carico e stendete i panni ad asciugare piuttosto che asciugarli a macchina. Questo farà risparmiare acqua, elettricità e detersivo. È inoltre possibile innaffiare il giardino con acqua piovana raccolta e «acqua grigia», che è l’acqua che si usa per lavarsi le mani e / o piatti sporchi.

Diversificare la dieta. Cercate di mangiare un pasto che sia solo vegetariano (inclusi lenticchie, fagioli, piselli e ceci) al posto di un pasto a base di carne a settimana. Maggiori risorse naturali sono utilizzate per fornire carne rispetto a verdure e legumi, soprattutto acqua. Milioni di acri di foresta pluviale vengono tagliati e bruciati al fine di trasformare la terra in pascoli per il bestiame, comprese le mucche. Scoprite alcune ricette per gustosi piatti di legumi e alcuni fatti interessanti forniti per l’Anno Internazionale dei legumi. Convincete amici e familiari a mangiare specie di pesci che sono più abbondanti, come sgombri e aringhe, piuttosto che quelli a rischio di sfruttamento eccessivo, come il merluzzo o il tonno.

Si può acquistare pesce catturato o allevato in modo sostenibile, come il pesce con il marchio di qualità ecologica, e se ordinate frutti di mare in un ristorante, chiedete sempre se si tratta di pesca sostenibile. Mantenete il terreno e l’acqua puliti. Raccogliete la spazzatura e scegliete detergenti per la casa, vernici e altri prodotti privi di candeggina o di altre forti sostanze chimiche. Riducendo i rifiuti e utilizzando prodotti eco-compatibili è possibile limitare la contaminazione dell’acqua e il degrado del suolo. Per questo è utile comprare biologico: l’agricoltura biologica aiuta il terreno a rimanere in buona salute e mantenere la sua capacità di immagazzinare carbonio, che contribuisce a ridurre il cambiamento climatico. Cercate i prodotti biologici e del commercio equo nei vostri supermercati locali o mercati contadini.

L’efficienza energetica è la cosa migliore. Comprate elettrodomestici ad alta efficienza energetica o automobili a basso consumo e non dimenticate la manutenzione dell’auto. Una macchina in ordine emetterà un minor numero di fumi tossici. Risparmiate energia anche scollegando il televisore, lo stereo o un computer, piuttosto che lasciarli in standby, e utilizzate lampadine a risparmio energetico. In inverno poi si potrebbe mettere un pullover in più e abbassare il riscaldamento, e in estate schermate le finestre dal sole. Utilizzate i pannelli solari o altri sistemi di energia verde. Scoprite se è possibile averli a casa, a scuola o al lavoro attraverso la ricerca di sovvenzioni disponibili e di incentivi governativi.

2 - SPRECATE DI MENO
Proprio come l’impronta di carbonio che produciamo ogni anno, attraverso il rilascio di gas serra come l’anidride carbonica (per esempio viaggiando in automobile o aereo o utilizzando l’energia elettrica), produciamo anche un’impronta attraverso le emissioni nascoste dei cibi che scegliamo di mangiare. A differenza di una macchina, non è possibile vedere il rilascio di gas serra dalla nostra cena, ma il viaggio di un pasto dalla fattoria al piatto è pieno di emissioni di carbonio. Oltre a mangiare più verdure e legumi e meno carne, possiamo anche ridurre gli sprechi nei seguenti modi. Acquistate solo quello che serve. Pianificate i pasti, fate una lista della spesa e rispettatela, ed evitate acquisti di impulso. Non solo sprecherete meno, ma risparmierete anche denaro!

Scegliete frutta e verdura d’aspetto non bello. Provate frutta e verdura dall’aspetto non bello e fate uso di cibo che altrimenti potrebbe andare sprecato. Frutta o verdura strane sono spesso gettate via perché non soddisfano gli standard estetici. Ma in realtà, hanno lo stesso sapore, se non migliore. Non lasciatevi ingannare dalle etichette. C’è una grande differenza tra “meglio-prima” e “usare entro”. A volte il cibo è ancora sicuro da mangiare dopo il “preferibilmente entro” la data, mentre è il “da consumarsi entro” la data, che ti dice quando non è più sicuro da mangiare. Controllare prima di buttare. Limitate l’impiego della plastica. Acquistate prodotti poco confezionati, portatevi una vostra borsa della spesa, usate bottiglie d’acqua e tazze di caffè riutilizzabili. Riciclate carta, plastica, vetro e alluminio. Riciclate carta, plastica, vetro e alluminio e riducete la quantità di rifiuti da smaltire.

3 - CONSERVATE GLI ALIMENTI CON INTELLIGENZA
Quando riempite le dispense o il frigorifero, spostate i prodotti più vecchi davanti e quelli nuovi sul retro. Una volta aperti, usate contenitori a tenuta d’aria per mantenere il cibo fresco in frigorifero o pacchetti chiusi per impedire agli insetti di rovinarlo. Amate i vostri avanzi. Se avete cucinato troppo cibo, non buttatelo via! Congelatene una parte per un altro giorno o trasformatelo in qualcos’altro per l’indomani. Se siete in un ristorante, ricordatevi che meno è meglio.

Chiedete per una mezza porzione, se pensate che una intera potrebbe essere troppo e chiedete di portare gli avanzi a casa. Anche in questo caso, si risparmia cibo e denaro. Fate concime organico. Alcuni rifiuti alimentari sono inevitabili, quindi perché non creare una compostiera per le bucce di frutta e verdura. Fare compost dagli scarti di cibo può ridurre l’impatto sul clima, riciclando inoltre nutrienti per dare nutrimento alle vostre piante e al vostro giardino.

4 - IMPARARE COME RICICLARE
Oltre a ridurre, riutilizzare e riciclare, imparate come riciclare o smaltire oggetti domestici, che non dovrebbero mai essere gettati in un normale bidone della spazzatura - batterie, vernici, telefoni cellulari, medicine, prodotti chimici, fertilizzanti, pneumatici, cartucce d’inchiostro, ecc., che possono essere dannosi per l’ambiente, soprattutto se finiscono nel sistema idrico. La plastica che viene gettata irresponsabilmente può danneggiare gravemente gli habitat marini e uccidere ogni anno un gran numero di animali marini

5 - RENDETE LE CITTÀ PIÙ VERDI
Aggiungete un po’ di verde con la creazione e il mantenimento di orti scolastici, orti comunitari su terreni abbandonati, o piante in vaso su tetti e balconi. Incoraggiate le autorità locali a prendere in considerazione la creazione di giardini pensili, invece di ghiaia e catrame nero che assorbono calore. Tutto questo materiale vegetale crea ombra, pulisce l’aria, raffredda il paesaggio urbano, e riduce l’inquinamento delle acque. Comprate localmente. Comprate a Km zero. Con l’acquisto di prodotti locali, si può sostenere le imprese del vicinato e abbassare le emissioni da cibo, per esempio, evitando che i camion viaggino per lunghe distanze.

6 - PROTEGGERE LE FORESTE E NON SPRECARE LA CARTA
Raccogliete la carta straccia e usatela per disegnare o prendere appunti. Acquistate e utilizzate carta riciclata. Mettete un foglio con scritto “No posta indesiderata” sulla vostra cassetta delle lettere. Usate la carta il meno possibile: fotocopie e stampe su entrambi i lati. Meglio ancora, stampate solo quando è necessario. Quando comprate carta - carta per stampante, asciugamani di carta, carta igienica, ecc. - assicuratevi che vengano da ditte rispettose dell’ambiente, e cercate di acquistare mobili fatti di legno o compensato provenienti da fonti sostenibili.

7 ANDATE IN BICICLETTA, A PIEDI O UTILIZZATE I MEZZI PUBBLICI.
Riducete le emissioni di anidride carbonica lasciando l’auto a casa o dando un passaggio ad altri se vanno nella stessa direzione. Siate consumatori coscienziosi. Fate un po’ di ricerca on-line e acquistate solo da aziende che hanno pratiche sostenibili che non danneggiano l’ambiente. Tenetevi aggiornati sui cambiamenti climatici. Seguite le notizie locali e rimanete in contatto con il sito cambiamenti climatici della FAO o sui social media a @FAOclimate.

Diventate sostenitori! Se sui social media vedete un messaggio interessante per i cambiamenti climatici, condividetelo piuttosto che semplicemente apprezzarlo. E fatevi sentire! Informatevi di più sulle autorità locali e nazionali e pensate a modi in cui si potrebbero impegnare in iniziative che hanno lo scopo di aiutare il pianeta. Se possibile, approfittate del vostro diritto e votate per leader nazionali e della comunità locale.

8 - PASSATE PAROLA
Vedi quali vestiti, giocattoli o libri è possibile passare ad amici, familiari e organizzazioni di carità. Meglio ancora, comprate per quanto possibile libri, vestiti e altri beni di seconda mano, per risparmiare energia e denaro.

9 - SIATE ECO-VIAGGIATORI.
Quando si va in vacanza, prendete in considerazione, se potete, di evitare i viaggi aerei. Gli aerei emettono una quantità enorme di CO2 nell’atmosfera. Se non è possibile evitarlo, chiedere alla società aerea o agenzia di viaggi dei modi per compensare le emissioni di anidride carbonica con un contributo a un progetto di energia rinnovabile, o di partecipare a una campagna di riforestazione.

10 - PROMUOVERE BAMBINI ECO
Comprate pannolini di stoffa per i vostri bebè o passate a un nuovo marchio usa e getta che sia responsabile dal punto di vista dell’ambiente.