sabato 15 ottobre 2016

L’anziana che mangia senza pagare il conto è tornata a colpire

La Stampa
claudio vimercati

E’ successo l’altro pomeriggio in via Mistrangelo a Savona nel bar Napoleon


La nonnina di Ceriale è tornata a colpire in centro a Savona

Della serie il lupo per il pelo ma non il vizio. Ricordate Giovanna Tondella, la vecchina di 76 anni nativa di Torino (ultima residenza a Ceriale) che mangiava a sbafo in ristoranti e bar per protesta, almeno così aveva spiegato, con le Poste che le avevano bloccato il pagamento della pensione? E’ tornata a non pagare il conto. E’ successo l’altro pomeriggio in via Mistrangelo a Savona nel bar Napoleon. La vecchina si è seduta a un tavolino, ha chiesto nell’ordine un toast, una torta salata, birra e caffè e al momento di pagare se ne è andata dicendo che non aveva i soldi.

«Mi spiace. Chiamate pure la polizia». Andrea Sattanino, uno dei titolari, non se lo è fatto ripetere due volte. «E pensare – dice – che quando è entrata nel bar io non l’ho riconosciuta. Il mio collega, invece, qualche dubbio lo ha avuto. Quando mi ha detto che non aveva pagato il conto e se ne era andata, l’ho inseguita e bloccata fuori del bar. Vede non è per i dieci euro della consumazione. Se mi avesse detto prima che non aveva i soldi e chiesto da mangiare, l’avrei servita lo stesso.Ma così no. Non può una persona farsi servire, mangiare e bere e poi andarsene via in questo modo».

Dunque è arrivata la polizia che ha contestato all’anziana donna il reato di insolvenza fraudolenta. Per procedere ci voleva però la querela di parte. E a quel punto il barista ha preferito lasciare perdere.

«Però spero che quella vecchina abbia imparato la lezione». Giovanna Tondella non aveva documenti. E così i poliziotti l’hanno portata in questura per l’identificazione. Poi ha potuto tornare a casa. L’avvocato Giovanni Maria Gandolfo di Albenga che da tempo segue l’anziana nelle sue vicissitudini non nasconde una certa sorpresa e un comprensibile disappunto per quanto accaduto: «Non me lo aspettavo proprio. E pensare che quella questione della pensione si è risolta, è stata sbloccata. Ora le viene pagata regolarmente.Certo lei è un po’ cleptomane, la mano lesta in negozietti e supermercati l’ha sempre avuta.E’ una malattia. Ecco mi aspettavo più una cosa del genere. La chiamerò perchè non può continuare così». Nel frattempo, i baristi sono avvertiti.