domenica 9 ottobre 2016

«La scrittrice Strout operata al Cardarelli ha speso 6.000 euro»

Il Mattino



«Siamo ancora lontani dal modello di sanità che abbiamo in mente, ma è innegabile che ci siano stati enormi passi in avanti rispetto alla situazione disastrosa che abbiamo ereditato dopo anni di gestione scellerata degli ospedali e dell'intera offerta sanitaria campana». Lo ha detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, componente della Commissione sanità, che ha fatto un sopralluogo nell'ospedale Cardarelli per verificare la situazione relativa alle barelle nei corridoi.

«Ho trovato solo poche barelle e credo che sia stata intrapresa, finalmente, la strada giusta per risolvere questa vergogna che accompagna la sanità campana da anni» ha sottolineato Borrelli precisando che «l'eliminazione totale delle barelle potrà avvenire solo quando ci sarà un coordinamento totale tra gli ospedali napoletani, magari attraverso il bed manager che dovrebbero nominare tutti i direttori generali, così come è stato fatto al Cardarelli, e l'apertura dell'ospedale del mare che, di certo, toglierà un pò di pressione al Cardarelli stesso».

«Comunque le note positive ci sono, come dimostrano anche le parole di Elizabeth Strout, la scrittrice Premio Pulitzer operata d'urgenza di appendicite proprio al Cardarelli, che sono andato a salutare e che mi ha sottolineato l'assistenza ricevuta facendo paragoni più che lusinghieri con quella statunitense» ha aggiunto Borrelli ricordando che «per l'intervento, la scrittrice ha pagato circa 6.000 euro, cifra ben al di sotto di quelle che si pagano negli Stati Uniti; il personale del Cardarelli ha salutato la paziente regalandole una stampa raffigurante lo storico ingresso dell'ospedale».