venerdì 21 ottobre 2016

Amazon potrebbe diventare un provider Internet

La Stampa

Per promuovere i propri servizi in streaming e download, l’azienda di Bezos starebbe pensando di offrire ai clienti anche la connessione al web. Ma solo in Europa



Amazon starebbe valutando l’opportunità di fornire un servizio di connessione a internet direttamente ai consumatori europei. Stando all’indiscrezione, raccolta dal sito The Information, la compagnia di Seattle punterebbe ad abbinare l’accesso a internet con la sua offerta Prime Video di contenuti audiovisivi on demand, entrando così in competizione con gli operatori via cavo che già propongono pacchetti analoghi. In Europa il servizio video di Amazon è presente in Germania, Regno Unito e Austria.

L’idea di proporsi come internet service provider (Isp) riguarderebbe l’Europa ma non gli Stati Uniti. Nel Vecchio Continente, infatti, gli ex monopolisti - da Telecom Italia a British Telecom - sono tenuti a vendere all’ingrosso l’accesso alle proprie reti, il che consente ad aziende concorrenti di offrire servizi ai consumatori. Non così negli Stati Uniti dove Amazon, per diventare fornitore di internet, dovrebbe costruire le proprie infrastrutture.