mercoledì 12 ottobre 2016

A 12 anni sponsorizza per sbaglio la sua band su Google e deve pagare 100mila euro

La Stampa
andrea signorelli

Per questa volta il colosso dei motori di ricerca l’ha graziato



Per diventare famosi su internet, a volte bastano poche settimane, se non pochi giorni: miracoli della viralità. Nella maggior parte dei casi, però, il successo su internet si paga caro; ne sa qualcosa il 12enne spagnolo José Javier, che, come riporta El Pais, si è visto recapitare un conto da 100mila euro da parte di Google per aver promosso attraverso AdWords, dai primi di agosto fino ai primi di ottobre, il gruppo musicale in cui suona la tromba: Los Saleros.

Il tutto nasce però da un errore: José ha infatti confuso AdWords con AdSense, programma che permette di guadagnare inserendo pubblicità sul proprio sito o, come in questo caso, sul proprio canale YouTube. Non dev’essere la prima volta che i due strumenti vengono confusi, visto che Google ha una pagina in cui viene spiegata nel dettaglio la differenza. L’aspirante star di YouTube ha però scoperto l’errore solo quando la famiglia – di Torrevieja, nella comunità autonoma valenciana – ha ricevuto un avviso dalla banca di famiglia, che segnalava loro un primo conto da parte di Google, ai primi di settembre, pari a 19.700 euro. Poche settimane dopo è arrivata anche la seconda e più pesante tranche: 78mila euro.

Stando a quanto raccontato dalla madre, Inma Quesada, il ragazzino è riuscito a impostare AdWords dando semplicemente il nome e le coordinate bancarie. Alla fine, si è risolto tutto nel migliore dei modi: Google ha investigato lo strano caso dopo che la stampa locale ha iniziato a occuparsene e ha deciso, il 5 ottobre, di cancellare l’intero importo. Non prima di ricordare ai genitori di studiarsi per bene la pagina di Google per la sicurezza della famiglia, in modo da evitare, nel futuro, errori simili.