mercoledì 30 novembre 2011

Telefonata show di Di Pietro all' ad Moretti

Corriere della sera

In mezzo ai dipendenti in appalto che protestano contro i licenziamenti

Pesce spada attacca pescatore e lo ferisce gravemente

Il Mattino

Un filmato impressionante: un pesce spada catturato a traina, nel tentativo di liberarsi salta sul pozzetto della barca e ferisce gravemente il pescatore. E' accaduto in Sardegna. 



Mercoledì 30 Novembre 2011 - 12:43    Ultimo aggiornamento: 13:08



Powered by ScribeFire.

Irene Pivetti e il vitalizio mancato: «Basta con il livore antipolitica»

Corriere della sera

«Mi mancava un anno e mezzo? Ah pensavo sette. Prendetevela con i dirigenti pubblici, le 16 mensilità e le liquidazioni da favola»


MILANO - Fu il più giovane presidente della Camera della storia della Repubblica. E avrebbe avuto diritto a diventare anche una "giovane" pensionata: ma il taglio dei vitalizi ai parlamentari ha fatto un brutto scherzo a Irene Pivetti. All'ex-leghista, oggi 48enne, mancava solo un anno e mezzo per aver diritto all'emolumento: «Ah sì? Io credevo me ne mancassero sette» dice lei. «Pensavo di dover andare a 55...».
 
Beh, le dispiace?: «Ma no, mi sembra del tutto logico, lo trovo normale». E Ilona Staller che ci è andata per il rotto della cuffia?: «Ma no...Tra i difetti che mi mancano c'è l'invidia. La verità è un'altra: ci sono altre caste che non vengono toccate. Il parlamento è l'unico che paga perché eletto dal popolo».
 
Irene Pivetti, la più giovane presidente della Camera

 
LIQUIDAZIONI DA FAVOLA - Con chi ce l'ha? «Con quelli che hanno liquidazioni da favola. I grand commis pubblici. Liquidazioni da favola che potrebbero mantenere tre generazioni. I parlamentari prenderanno mensilità sontuose, ma son solo 12, quelli ne hanno 16». Insomma, la Pivetti ce l'ha con il livore anti-parlamentare: «Da Tangentopoli continuano a sparare contro i politici: non hanno ancora finito. In tutte le famiglie c'è una percentuale di persone non perbene, ma questo non toglie nulla alla dignità del parlamento.»
 
Matteo Cruccu30 novembre 2011 | 12:53