giovedì 12 maggio 2011

Omicidio choc alla Sanità, il Tribunale di Napoli annulla ordinanza di custodia

Il Mattino


NAPOLI - Il Tribunale del Riesame di Napoli (presidente Maria Rosaria Cosentino) ha annullato l'ordinanza di custodia cautelare nei confronti del boss di Afragola, Antonio Moccia, indicato come mandante dell'omicidio di Mariano Bacioterracino, ucciso al rione Sanità a Napoli l'11 maggio 2009.

Le immagini, riprese da un video collocato all' esterno del bar davanti al quale avvenne il delitto, destarono forte emozione e sconcerto nell'opinione pubblica. I giudici hanno accolto le richieste dell'avv. Saverio Senese. Moccia resta comunque in carcere per l'accusa di associazione camorristica.

L'annullamento dell'ordinanza si riferisce anche ad un duplice omicidio avvenuto a Casoria nel 2009. A quanto si è appreso, l'annullamento sarebbe motivato con la carenza di gravi indizi di colpevolezza.



Video integrale dell'esecuzione di Mariano Bacioterracino - la Repubblica it



Powered by ScribeFire.

Ndrangheta, indagati 7 medici Fecero uscire di prigione i boss

Quotidiano.net


I sette dottori, nelle province di Reggio Calabria, Cosenza, Catanzaro e Crotone, avrebbero certificato false patologie al fine di consentire la scarcerazione di alcuni esponenti della criminalità organizzata. Le rivelazioni da 3 pentiti


Catanzaro, 12 maggio 2011


Sette medici operanti nelle province di Reggio Calabria, Cosenza, Catanzaro e Crotone, sono indagati per i reati di abuso d’ufficio, false comunicazioni all’autorita’ giudiziaria, corruzione in atti giudiziari e falsa perizia aggravati. Avrebbero certificato false patologie al fine di consentire la scarcerazione di alcuni esponenti della criminalita’ organizzata. Gli avvisi di garanzia sono stati notificati dai carabinieri del Ros.

Le cosche di ‘ndrangheta favorite sarebbero i Pelle di San Luca (RC), i Mantella di Vibo Valentia, gli Arena di Isola Capo Rizzuto (KR) ed i Forastefano della Sibaritide. Ad alcuni degli indagati e’ inoltre contestato il reato di concorso esterno in associazione mafiosa.

L’operazione e’ scattata in esecuzione di due decreti di perquisizione emessi dalle direzioni distrettuali Antimafia delle procure della Repubblica di Catanzaro e di Reggio Calabria nell’ambito delle rispettive indagini collegate e denominate ‘Villa Verde’ e ‘Reale’, entrambe condotte dai carabinieri del Ros e dei Comandi provinciali di Reggio Calabria, Catanzaro e Cosenza. L’attenzione degli inquirenti e’ stata focalizzata sull’elevato numero di scarcerazioni di detenuti mafiosi dovute a motivi di salute, che si registra da tempo in Calabria e che ha quindi determinato la necessita’ di individuare i casi in cui tali benefici sono concessi in virtu’ di false attestazioni sanitarie redatte da medici collusi con le cosche. Le perquisizioni sono eseguite nelle abitazioni e negli studi professionali dei sette medici sottoposti ad indagine, nonche’ in due importanti cliniche private della provincia di Cosenza.

Gli elementi di prova acquisiti nel corso delle indagini avrebbero consentito di accertare il sistematico ricorso, da parte di diversi appartenenti alla ‘ndrangheta, alla simulazione, favorita dalla corruzione di medici compiacenti, di patologie inesistenti (prevalentemente di tipo psichiatrico) allo scopo di beneficiare, per motivi di salute, di scarcerazioni o, in altri casi, di ricoveri, in regime di arresti domiciliari nelle cliniche oggetto delle indagini, dove potevano godere di una serie di agevolazioni illecite.

Diversi gli episodi documentati dagli inquirenti. Dagli elementi di prova acquisiti emergerebbe, in particolare, il legame esistente tra la famiglia mafiosa dei Pelle, detti “gambazza”, di San Luca (RC) e due professionisti: il direttore sanitario di un presidio ospedaliero in provincia di Cosenza ed il direttore sanitario, nonche’ proprietario per quote, di una delle case di cura private interessate. In particolare, nel corso delle attivita’ d’indagine sulla famiglia Pelle, sarebbe emerso che, in vista delle elezioni regionali del 28 e 29 marzo 2010, due dei medici indagati, uno dei quali da tempo legato ai Pelle, avevano richiesto un intervento della famiglia di S. Luca per dirimere alcune problematiche legate alle candidature all’interno del partito politico in cui uno dei medici stessi era candidato.

Nello stesso contesto era inoltre emerso che, nel passato, uno dei medici in questione avrebbe compilato in favore di Giuseppe Pelle piu’ certificazioni sanitarie falsamente attestanti condizioni di salute incompatibili con la detenzione carceraria. Nell’inchiesta emerge, inoltre, il legame tra Andrea Mantella, indicato come esponente mafioso di rilievo del Vibonese, e alcuni medici di una delle cliniche coinvolte nelle indagini, fra i quali, in particolare, il dirigente sanitario della struttura. I medici, in questione, in occasione di prolungati ricoveri di Mantella e di altri affiliati in regime di arresti domiciliari nella loro clinica, avrebbero sistematicamente redatto in loro favore certificazioni sanitarie mendaci e messo loro a disposizione utenze telefoniche e locali della clinica, utilizzati per contattare o incontrare altri esponenti della cosca.

Gli stessi medici avrebbero favorito Mantella, ottenendo a loro vantaggio la disponibilita’ anche di altri professionisti, esterni alla clinica, ugualmente prestatisi a redigere ulteriori consulenze compiacenti.

Alcuni episodi di corruzione sarebbero stati posti in essere da familiari di Antonio e Pasquale Forastefano e da altri esponenti della loro cosca, consistiti nel richiedere ed ottenere, a fronte della consegna di somme di denaro o altre utilita’, elaborati peritali favorevoli, da parte di alcuni medici, fra i quali un professionista reggino con importanti incarichi universitari e ospedalieri, nonche’ da parte di alcuni medici legali che fino ad oggi avevano goduto della fiducia di diversi uffici giudiziari.

I medici in questione,, in diversi procedimenti penali avevano ricevuto dagli organi giudiziari competenti l’incarico di perito affinche’ accertassero la compatibilita’ col regime carcerario delle condizioni di salute dei Forastefano.

Tra i boss favoriti da uno dei medici legali indagati, figura Nicola Arena, capo storico dell’omonima cosca di Isola Capo Rizzuto (KR). In particolare, il professionista catanzarese, nella sua veste di perito cui il Tribunale di Sorveglianza del capoluogo aveva conferito l’incarico di verificare la compatibilita’ col regime carcerario delle condizioni di salute del boss, avrebbe redatto un certificato che ha recentemente determinato la concessione degli arresti domiciliari in favore del detenuto.

Nell’accettare l’incarico, il medico aveva anche commesso il reato di abuso d’ufficio, per aver nascosto al Tribunale l’esistenza di una causa di incompatibilita’ per la quale avrebbe avuto l’obbligo di astenersi, in quanto egli stesso, pochi giorni prima, aveva prestato attivita’ di consulenza medica legale proprio nell’interesse dello stesso Arena e proprio ai fini della sua scarcerazione.

LE RIVELAZIONI DA TRE PENTITI - Le indagini dei Carabieniri, cordinate dalle Dda di Catanzaro e di Reggio calabria, che hanno portato all’emissione di 7 avvisi di garanzia a carico di altrettanti medici sospettati di aver redatto false perizie sullo stato di salute di alcuni boss, sono basate su attivita’ di intercettazione telefonica ed ambientale e di accertamento documentale, ma anche sulle dichiarazioni rese da tre pentiti.

Sono persone legate alla cosca Forastefano, divenute collaboratori di giustizia nel corso del 2010. Si tratta di Lucia Bariova, ex convivente di Vincenzo Forastefano, Salvatore Lione, gia’ reggente della cosca Forastefano, e Samuele Lovato, pure legato ai Forastefano, il quale, avendo trascorso un lungo periodo di ricovero in una delle cliniche al centro delle indagini, ha potuto fornire un importante contributo. Per la Dda della Procura della Repubblica di Reggio Calabria, l’operazione odierna costituisce l’ulteriore sviluppo delle indagini del Ros dei Carabinieri sulla cosca Pelle di San Luca che nei mesi scorsi avevano gia’ portato all’esecuzione di un provvedimento di fermo a carico di alcuni importanti affiliati.

Il fermo si era reso necessario per arginare le reiterate fughe di notizie sulla maxi operazione ‘Il crimine’, conclusa dall’Arma lo scorso 13 luglio con l’arresto di oltre 300 persone.

Nello stesso contesto, ulteriori filoni investigativi avevano riguardato docenti, impiegati e studenti dell’Universita’ di Reggio Calabria indagati per falsita’ ideologica, truffa aggravata ed altri reati, per collusioni con la cosca Pelle, nonche’ il condizionamento delle elezioni amministrative del 29 e 30 marzo 2010, esercitato dal capo cosca Giuseppe Pelle al quale si sarebbero rivolti alcuni candidati che per questo motivo erano stati arrestati il 21 dicembre 2010. Si tratta di Santi Zappala’, poi eletto Consigliere regionale della Calabria, di Francesco Iaria e di Liliana Aiello, non eletti.

Per la Dda di Catanzaro, secondo quanto si apprende, l’operazione di oggi rappresenta un approfondimento sulle collusioni della ‘ndrangheta nel settore sanitario, frutto di importanti indagini condotte dal Ros Carabinieri negli ultimi anni. Tra queste, l’operazione ‘Ghibli’ contro la cosca Arena di Isola Capo Rizzuto, grazie alla quale erano stati arrestati oltre 20 esponenti di vertice della cosca, recentemente tutti condannati, ed era emersa la collusione con la ‘ndrina degli Arena anche di alcuni imprenditori, di un carabiniere e di un avvocato, recentemente condannato proprio per tale motivo, e le indagini ‘Omnia’ e ‘Timpone Rosso’ che hanno colpito le cosche degli zingari ed i Forastefano. Nell’ambito di queste ultime due indagini,, nei mesi scorsi il Ros Carabinieri aveva arrestato i latitanti Nicola Acri e Salvatore Galluzzi, catturati rispettivamente a Bologna lo scorso mese di novembre, ed a Vigevano nel febbraio di quest’anno.





Powered by ScribeFire.